Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > La croce del distretto sanitario. Un popolo alla ricerca del diritto alla (...)

La croce del distretto sanitario. Un popolo alla ricerca del diritto alla salute

venerdì 5 ottobre 2012, di redazione

Da gennaio ennesimo esodo forzato dei cittadini. Dopo Castel Volturno e Capua, ora andremo a S. Maria C.V. Non sanno più dove mandarci. Noi, invece, sappiano bene dove mandare loro! Petizione con raccolta di firma DOMENICA MATTINA innanzi alla sede del Comitato in Via Annunziata (ore 9-12).

La Regione Campania ha consumato l’ennesimo scempio a danno dei cittadini di Grazzanise. Dopo aver perso la Guardia Medica e il Presidio Sanitario, dopo l’esperienza del Distretto a Castel Volturno e, quindi, a Capua (con tutti i ricorsi e i pronunciamenti degli organi giurisdizionali), ora con una delibera del 3 luglio scorso, nell’ambito della modifica degli ambiti territoriali sociali e dei distretti sanitari (a seguito di una delibera della giunta regionale del 14.2), Grazzanise finisce nell’ambito C08 – Distretto 21 con i comuni di Casapulla, Curti, San Prisco, San Tammaro, Santa Maria C.V. e S. Maria la Fossa, sottraendoci a Capua che comunque, dal punto di vista della popolazione rimane a 57 mila abitanti, mentre il nostro nuovo ambito/distretto e di 76 mila abitanti.

E’ difficile trovare le parole giuste per esprimere la nostra indignazione. Certo, vi saranno e vi sono le esigenze di “riallineamento tra ambiti e distretti” per assicurare “l’erogazione di prestazioni e servizi integrati”,” la coerenza tra gli strumenti programmatori PAT e Piani di Zona” oltre alle altre considerazioni presenti in delibera e i riferimenti normativi. Ma una domanda, una sola, sorge spontanea: perché Grazzanise deve finire a S. Maria C.V.? Perchè non è stata lasciata con Capua che lungamente ha inseguito (pur tra posizioni diverse) fino a raggiungere l’obiettivo? Il legislatore regionale, pronto a individuare nel passato remoto e recente la nostra area come sversatoio di immondizia e di tutto il malessere della Regione o della provincia di Napoli, ritiene legittimo spostare un “pacco” di settemila cittadini, già privi delle strutture a servizio della salute, da Capua a S. Maria C.V. ritenendo che tanto nessuno si lamenterà: pensa il legislatore che veramente qui la gente non abbia dignità e voce? E’ grave, anzi gravissimo ciò che sancisce la delibera. Verrebbe da chiedersi se le istituzioni locali siano state sentite. Noi, però, sentiamo la gente e sappiamo che la gente è stufa di subire le decisioni assunte sopra la propria testa, senza alcuna ragione e con un revisionismo sconcertante. Dopo la battaglia per il Collegio elettorale, ora è tempo di stringerci per scongiurare questa scelta della Regione. Vogliamo che tutto resti come prima per Grazzanise. Gli unici interessi che ci stanno a cuore sono quelli degli utenti che ora sarebbero costretti ad allungare di 7 chilometri il percorso per raggiungere il distretto e raggiungerlo, peraltro in posizione distante rispetto ai terminal del trasporto pubblico. Il Comitato “Senso Civico” lancia il suo allarme: fa appello al Presidente della Provincia e al Sig. Prefetto per fermare la decisione. I cittadini di Grazzanise non meritano questo ulteriore schiaffo in faccia.

IL COMITATO SENSO CIVICO

Rispondere all'articolo

 

1 Messaggio

  • .....nel mese di giugno sono stato a Firenze con la famiglia e tutti (compreso le vecchiette di 80 anni) si muovevano ogni giorno da un capo all’altro della città (che non è piccolina) con estrema facilità, sapete perchè? perchè ad ogni fermata dell’autobus c’era il display digitale che indicava quanti minuti (!!!!!!!) mancavano al successivo autobus !!!!!!....... potevi tranquillamente calcolare i tempi di quello che dovevi fare, prenderti il caffè e non rimanere a piedi!!!!!

    NON SONO I 7 CHILOMETRI IL VERO PROBLEMA MA IL TRASPORTO PUBBLICO CHE NON C’E’ ....E QUANDO C’E’......................MA QUANDO C’E’??

    Capua, S.Maria C.V. o S.Maria la Fossa sempre lontani sono se non c’è bus che passa!!!!!!!!!

    e poi.....

    "aver perso la guardia medica"

    è la stessa storia dell’ospedale di Capua.....quando c’erano sia l’una (guardia medica) che l’altro (ospedale di Capua) sapete il leitmotiv più in voga qual’era?

    "Io non la chiamo la guardia medica perché c’e’ gente che non capisce nulla. Io non vado all’ospedale di Capua perché i medici non sono buoni. Quando sto male vado a Caserta!"

    perchè ci lamentiamo di ciò che non c’è più e che la maggioranza di noi ha disprezzato?

    mah!

    Rispondere al messaggio


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout