Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Lettere in Redazione > Poetici saluti da un concittadino lontano

Poetici saluti da un concittadino lontano

giovedì 22 maggio 2008, di redazione


Cordialissimi saluti a tutta la redazione di grazzaniseonline e un sentito ringraziamento da parte di quelle persone, come me, che vivono ormai da anni lontano dal paese in cui hanno imparato a crescere ed affrontare la vita e che grazie a questo sito diminuiscono le distanze e si sentono sempre (in un certo modo) partecipi alle vicende del loro paese.
E’ con questo sentimento di grande affetto e viva riconoscenza che vi allego alcuni versi in dialetto che dedicai anni fa al nostro (sempre piu’ spesso) oltraggiato paese.
A presto,

Grazzanise

Colonia casalese, ormai si’ diventat’.
Orgoglio e dignità tu nun le mai pruvat’.

Pe’ colpe e chi? Sinceramente nun ‘o saccio,
ma grandi differenze, nun me ‘mporta, nun ne faccio!

Mentalità ‘e paese, fatta ‘e poche pretes’?
e l’ati paesi, chiù piccol’ e te, comme se so difes’?

A verità è che ca facimm a gar’
sul pe sta’ ‘ngopp a stu ponte o for’ o bar

pe’ chiacchere infinite ‘e n’aereoport’ che ancor s’a da fa,
‘nciuci e pettegolezzi che mai a niente hann’a purtà!

Nu sciumm’ che do’ dio Volturno l’è rimasto sul o nomme,
ma nun se fa tuccà chiù manc’ a n’omm’.

Do’ Borgo Appio, a Mazzafarro e Brezza
ca c’hanno circondato sulamente da’ munnezza.

…ma quale Grazzanise… ?
Chist’ è territorio ormai de’ casalis’!

Ma vuje facite a vero o pazziat’?!
Chist è nu paese che ‘e cient’ann’ sta arretrat’!!!

E mo, arapite l’uocchie e fenitela ‘e fa i fess’
si no tra quatt’ iuorn, nun ve fann manc sentì Mess’.

Antonio Montesano

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout