Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > Ma quali opere pubbliche?

Una nota del PD di Grazzanise

Ma quali opere pubbliche?

domenica 22 febbraio 2009, di redazione


Grazzanise - Il circolo territoriale del Pd di Grazzanise ha diffuso la seguente nota:

"MA QUALI OPERE PUBBLICHE?

Era abitudine di chi amministra, e forse lo è ancora, eseguire alcuni lavori pubblici a fine mandato, in prossimità della futura tornata elettorale, quali operazioni che puntavano a trovar consenso……. Eppure, un tempo tali opere venivano eseguite davvero forse con apprezzamento dei cittadini.
Negli ultimi tempi abbiamo letto su quotidiani locali comunicati del neo assessore alla viabilità Di Fruscia, che sembravano dar inizio alla stagione delle “grandi opere”; addirittura, la prima volta si è “adoperato personalmente”, vestendosi da elettricista, per ripristinare personalmente l’illuminazione pubblica, per poi successivamente vestirsi da architetto per abbellire le strade pubbliche con l’istallazione di dieci panchine (dove sono?), ed infine ieri, comunicava alla cittadinanza che, dopo le avverse condizioni atmosferiche, “tutte le strade di Grazzanise sono state rimesse a nuovo
A noi Democratici sembra di trovarci nella Russia zarista di fronte a una situazione escogitata dal principe Potemkin (quello della famosa corazzata), per dare l’impressione alla zarina Caterina, in viaggio itinerante per il regno, che i servi della gleba stavano bene, o meglio - in una situazione forse a lei più familiare (dato il partito di militanza), quando nel 1938 per ordine del Duce, a Roma furono costruiti edifici di Cartone in occasione della visita “dell’amico” Hitler, ispirando il poeta Trilussa che per l’occasione compose la seguente beffarda quartina: Roma de travertino, rifatta di cartone, saluta l’imbianchino, suo prossimo padrone.
Egregio assessore, è vero che lei per il lavoro che svolge nella vita quotidiana è abituato a solcare strade con mezzi più potenti e solidi, quali i carrarmati, che per ovvie ragioni non permettono di rendersi conto quando una strada è piena di buche, ma a noi pare che i Grazzanisani si siano resi conto che si trovano di fronte al classico matrimonio perfetto, tra la cialtroneria improvvisatrice e l’imbroglio a scapito della buonafede pubblica, notando lavori di “rattoppamento” delle strade degne del “peggior sarto”: e chissà quanto ci costeranno……………..
Speriamo in tempi migliori…….

IL DIRETTIVO DEL CIRCOLO TERRITORIALE DEL PARTITO DEMOCRATICO"

Rispondere all'articolo

 

18 Messaggi del forum

  • Ma quali opere pubbliche?

    23 febbraio 2009 20:50, di M.R.
    complimenti all’autore di questo splendido saggio di cultura storica..quanto ai paragoni siete costantemente scadenti..invece di criticare perchè non pensate al vostro programma politico?chi si fa grande infangando gli altri non ha più tempo di pensare a se stesso..verrà il giorno che qualcuno si toglierà la giacca..

    Rispondere al messaggio

    • Ma quali opere pubbliche? 23 febbraio 2009 21:39, di gioabbate
      Cara signora (o spett.le signore), noi al nostro programma ci pensiamo e ci lavorimo costantemene e con impegno; non è nostra abitudine infangare le persone, ma è nostra abitudine portare i cittadini innanzi alle evidenze. Per quanto riguarda il togliersi la giacca spero che presto tante persone(per bene)la tolgano,ma solo per l’arrivo della bella stagione.

      Rispondere al messaggio

      • Ma quali opere pubbliche? 25 febbraio 2009 23:09, di Pasquale Di fruscia

        PRECISAZIONI

        Io sottoscritto Pasquale DI FRUSCIA, in qualità di Assessore alla Viabilità presso il Comune di Grazzanise (CE), in base all’articolo pubblicato il giorno 24/02/2009 alla pagina 23 de”La Gazzetta di Caserta”, faccio presente quanto segue. Carissimo Signor Paolo PARENTE, Segretario del locale Partito Democratico le vorrei precisare alcuni punti inerenti all’articolo sopracitato:

        1.Per quanto riguarda il lavoro che svolgo, prima di fare allusioni è pregato di informarsi, visto che Lei non l’ha fatto allora lo preciso io: attualmente presto servizio presso la Scuola di Amministrazione e Commissariato con sede in Maddaloni (CE), come ben vede gia’ la denominazione non è molto compatibile con la parola “carroarmato”, ma bensì essendo una Scuola di Amministrazione e Commissariato il termine più adatto da affiancare è “Contabilità”,visto il ruolo assegnatomi nella già citata Scuola Militare. A questo punto la domanda mi sorge spontanea: Lei e i suoi (seguaci) avete svolto il servizio militare? E in che modo?

        2.Prima di attribuirmi mestieri che purtroppo non mi appartengono (vedi architetto ed elettricista), per il futuro gradirei che si informasse sulla mia persona e quindi mi giudicasse prima come un normale cittadino e poi come politico che svolge il suo lavoro con serietà e serenità. Per quanto ne sappia mi risulta che lei è di origini “Grazzanisane” ma non residente nel nostro paese anche se anagraficamente lo risulta , in caso contrario avrebbe notato l’allocazione delle 10 panchine, (infatti solo chi vive ovattato in un’altra realta’ e chi non ha amore per il proprio paese, ma ci viene solo per lavoro, non ne è a conoscenza). Riporto quindi i punti precisi cosi quando si trovera’ di passaggio potra’ ammirarle:

        Nr . 2 Plesso Scolastico “Don Milani” Via Diaz Nr . 1 Circolo Anziani Nr . 1 Via San Giovanni Nr . 1 Via Lauro Nr . 1 Via Crocelle Nr . 2 Piazza Fontana Nr . 1 Via Capua, Nr . 1 Plesso Scolastico “Pestolozzi”

        Dimostrando cosi di non essere un Ciarlatano, parole usate da Lei nei miei confronti (da che pulpito viene la predica: basta guardare acque reflue).

        Invito il segretario cittadino del Pd a prendere visione presso il Comune di Grazzanise e rendersi conto personalmente del costo per il “rattoppamento” e evitare di mettere in dubbio l’operato dell’Amministrazione, di far leggere ai cittadini le menzogne citate nell’articolo. Non e’ mai stata pronunciata da parte mia la parola Rifacimento totale ma semplicemente di chiusura delle buche create dopo 4 mesi di pioggia. A Caserta mi risulta che é stato fatto lo stesso lavoro….a lei risulta? Visto che vive nella città suddetta!

        3.Preciso, altresì, , non avendo “scheletri nell’armadio”, resto a disposizione sia per Lei che per chiunque altro a dare ulteriori chiarimenti in merito.

        Pasquale DI FRUSCIA

        Rispondere al messaggio

        • Ma quali opere pubbliche? 26 febbraio 2009 11:26, di gioabbate

          Spett.le Assessore alla viabilità del comune di Grazzanise, rispondo alle sue “precisazioni” come vicesegretario della locale sezione del Partito Democratico di Grazzanise, in quanto ritengo di basso profilo attaccare un cittadino, che si è impegnato in un partito (strutturato ed organizzato) e di conseguenza nella vita politica, sul punto di vista personale rasentando addirittura il ridicolo sottolineando dove vive etc etc. Ma è comprensibile che a qualcuno può dare fastidio l’azione e il ruolo di oppositore che il Partito Democratico si è saputo ritagliare a Grazzanise. 1. Ci spiace che lei non abbia saputo cogliere il modo ironico con il quale abbiamo inteso rener evidente lo stato pietoso delle vie cittadine, ma ci spiace ancora di più che lei non si senta parte integrante dell’intero Esercito Italiano che ci onora nel mondo in quanto impegnato, per sfortuna, in tante zona di guerra ed ha tenuto a sottolineare il ruolo che svolge presso la struttura di Maddaloni. 2. Nessuno le ha attribuito mestieri che non svolge, ma le chiedo: chi si adopera per riparare guasti elettrici cosa è? (vedi articolo Corriere di Caserta)Mi permetto anche di contraddirla perché a nessuno importa giudicarlo da privato cittadino, ma la informo che a tutti i cittadini appartenenti e non a partiti politici è dato il diritto di giudicarla come amministratore del nostro territorio. 3. In alcun modo è stato dato a lei del ciarlatano, bensì è stato sottolineato come il modo di agire senza un progetto si presenta come un matrimonio tra la cialtroneria e l’imbroglio, anche visti i titoli in pompa magna sulla stampa locale. 4. A riguardo delle acque reflue l’amministrazione dovrà semplicemente comunicare ai cittadini se l’impianto di depurazione del comune di Grazzanise è funzionante o meno. 5. In riferimento ai lavori effettuati o meno nella città di Caserta penso che non si possano proporre simili paragoni, perché,altrimenti, non prendere ad esempio altre città meglio funzionanti? O Grazzanise è un’isola felice? 6. Infine,vista la sua disponibilità, la invito (o la sfido) pubblicamentenei prossimi trenta giorni,sperando che tale invito non cada nel vuoto,ad organizzare un confronto pubblico con i rappresentanti della sezione del locale Partito Democratico per discutere dell’operato dell’Amministrazione.

          Giovanni Abbate

          P.S. Il Servizio militare di leva personalmente l’ho svolto.

          Rispondere al messaggio

        • Ma quali opere pubbliche? 26 febbraio 2009 16:26, di avvocato Paolo Parente
          Egregio sig. Di Fruscia, nel rileggere il suo intervento, non posso esimermi dal risponderle, anche se Giovanni Abbate, nella qualità di vice segretario del P.D. le ha già dato una risposta che in pieno condivido, ma la sua protervia è tale da meritare anche una risposta del tutto personale, fuori dagli schemi partitici e politici - Innanzi tutto, l’articolo è stato pubblicato a nome del Direttivo del P.D. di Grazzanise, e non capisco perchè lei abbia fatto riferimento alla mia persona,anche perchè non ho preso parte alla stesura dell’articolo, sebbene ne ho da subito sposato la linea e la relativa pubblicazione. Rngraziando il cielo, non ho fatto il militare, in quanto terremotato (anno di nascita 1962), e probabilmente non l’avrebbe fatto nemmeno Lei, visto che - se non ricordo male - è di quella annata(anche perchè scolari nella stessa scolaresca)- Evidentemente il mestiere l’aveva nel sangue, e comunque è stata una sua libera scelta. Vivo a Caserta dal 2002, per motivi anche di lavoro, in quanto gestisco uno studio legale anche nel capoluogo, cosa che probabilmente lei non sa. Se non sbaglio, anche lei è vissuto per tanti anni fuori per motivi di lavoro, ma nessuno le ha mai contestato l’assenza o il suo impegno politico da straniero, così come il suo compagno di cordata, l’assessore Gravante, da militare anch’egli, è vissuto fuori e rientrato solo grazie alla sua elezione e conseguente nomina ad assessore, ma al termine anche lui dovrà rifare le valigie: e mi pare che non si è gridato allo scandolo. Persino il suo Sindaco, per anni non è vissuto a Grazzanise, ma quando si è candidato, nessuno ha detto "non passi lo straniero" Vede caro sig. Di Fruscia, la cosa che ha scritto, e conseguentemente pensato,le fa poco onore, anzi, pochissimo, sperando che lei ne abbia ancora !!! Sentir parlare di politica, da chi si azzuffa nelle sagre paesane con calci e pugni con altri consiglieri comunali e non, è davvero comico, per non parlare del suo impegno particolare nel raccomandare la ditta di suo fratello (o nipote come dir si voglia) nelle forniture dei festini organizzati dall’Amministrazione, allorquando da un impegno di spesa di soli 250 euro, si è arrivati a sperperare denaro pubblico per 2.500,00 euro, fortunatamente non ancora pagati ed oggi sacramentati come debiti fuori bilancio, grazie all’intervento di alcuni Consiglieri Comunali di opposizione, che non appena hanno chiesto notizie in merito, come d’incanto, sono spariti sia la determina che lo stesso mandato di pagamento!!! E’ questa cos’è se non cialtroneria politica!!! Si vergogni, sig. Di Fruscia !!! Il mio pulpito non è sicuramente il suo, e mi conforta sapere che mai e poi mai sarà il mio, anche perchè di scheletri nell’armadio, come vede, se ne possono avere... Spieghi alla gente di questo Paese altre cose, e non pensi al mio domicilio, perchè per fare politica non c’è bisogno di pernottare per le strade, c’è solo bisogno di grande capacità, trasparenza e soprattutto di tanto buon senso. Prima di guardare la pagliuzza nell’occhio degli altri, guardi la trave che funesta i suoi, perchè poi non potrà che ricevere risposte come queste. Colga l’invito del mio partito: si confronti, laddove ne avesse il coraggio, e si ricordi che l’installazione di 10 panchine, non le attribuiscono alcun potere. P.S.: abito al viale dei bersaglieri n. 46, ovvero la strada che collega Caserta con Maddaloni, e so per certo che i carri armati della Brigada Bersaglieri - passando sotto casa mia - vanno presso la sua caserma, ove si svolge tutta l’Amministrazione della Gestione delle capacità contabili amministrative delle risorse umane ecc...... avvocato paolo parente (in proprio)

          Rispondere al messaggio

          • Ma quali opere pubbliche? 26 febbraio 2009 20:55, di M.R.

            ascoltate questa poesia di R.viviani:

            E parole sò comme o vient.. passano, girano e città e ognun s è mett ncuollo comme e nu vestit criat pe l’occasione tanto che uno pò dicere: ma chest erano e mmie pecchè te l’è pigliate? Allora e parole do signore vann mmocc a a nu core pezzente ca se vò fa ricc comm a nu RRE’ tant ca chill riman ammutut ma senza dispiacere pecchè dopp a tant vient se scucciat e se ji a ppiglià e parl sul co core e cu cchi o sap piglià

            Rispondere al messaggio

            • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 01:15, di avvocato Paolo Parente
              Cara signora, la poesia è bellissima, ma scritta in un pessimo vernacolo che le consiglio di correggere. Onestamente non comprendo il suo intromettersi, ma sono sicuro che il contenuto della poesia le se addice molto, perché il suo cuore palpita inutilmente, e forse sarebbe più logico e corretto calmare i suoi bollenti spiriti. E’ proprio vero che al cuor non si comanda.....ma a tutto c’é un limite, e lei sembra non averne.

              Rispondere al messaggio

              • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 17:01, di angy
                Riportando fedelmente le parole scritte in un commento lasciato a proposito di questo articolo "non è nostra abitudine infangare le persone, ma è nostra abitudine portare i cittadini innanzi alle evidenze",secondo il mio modesto parere ciò che è stato scritto successivamente non è per nulla conforme con questa affermazione,secondo punto se le cose pubblicate nell’articolo discusso sono state definite evidenti non credo che la cittadinanza abbia bisogno di farsi aprire gli occhi per rendersene conto a meno che riteniate il popolo cosi cieco e stupido da non notare nemmeno le cose che vengono dichiarate lampanti da esponenti del vostro partito... cordiali saluti

                Rispondere al messaggio

                • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 17:29, di gioabbate
                  sicuramente il popolo non è stupido, ma a chiunque deve essere riconosciuto il dirito di critica verso chi amministra. comunque da un certo punto di vista fa piacere che un intervento del nostro partito abbia stimolao una discussione.

                  Rispondere al messaggio

                  • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 18:12, di angy
                    personalmente io non mi sono pronunciata nei confronti dell’articolo (che sinceramente trovo molto poco fine),le critiche verso chi amministra sono sicuramente utili se portano ad una conclusione positiva per il bene della comunità e non se accendono discussioni infuocate sulla singola persona...inoltre devo aggiungere che le elezioni le vince chi ha il programma politico più convincente,ma putroppo nel nostro paese la politica è sempre stata questa,una gara nella quale crede di vincere chi più mette in ridicolo gli esponenti degli altri partiti o denigra l’attuale amministrazione prendendo di mira un singolo esponente per volta(basta guardarci intorno e leggere i vari volantini/manifesti che iniziano a tappezzare almeno un anno prima delle elezioni le bacheche delle nostre strade per rendercene conto)...CHE AMAREZZA

                    Rispondere al messaggio

                    • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 19:01, di M.R.
                      risposta a paparente :chi dice che io sia una donna? primo.. secondo: hai ragione mi sono accorta che il vernacolo è sbagliato rileggendo la poesia... mi spiace però che evidentemente non hai interpretato i personaggi ai quali era rivolta la poesia: di certo non ero io uno di quelli..e quindi era anche logico che rispondevi a quel modo dicendo di non intromettermi ecc. ecc.:non centro con la politica ma mi piace difendere chi ritengo opportuno e ti scuso solo per la evidente tua malinterpretazione .per ultimo: a questo punto le scuse non solo me le merito ma sarebbero opportune

                      Rispondere al messaggio

                      • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 19:24, di M.R.
                        aggiungo inoltre che questo mi provocato molta amarezza : è la prima volta nella mia vita che per difendere le persone devo ricevere ingiustamente tante "belle parole".e’ un prezzo molto alto da pagare.io proprio non ci riesco a fare finta di niente

                        Rispondere al messaggio

                      • Ma quali opere pubbliche? 2 marzo 2009 08:42, di paparente

                        Piccola precisazione x M.R.:

                        credo che la sua risposta sia per l’avvocato Paolo Parente e non per paparente (si tratta di due persone distinte e separate).

                        Grazie!

                        Rispondere al messaggio

                        • Ma quali opere pubbliche? 5 marzo 2009 22:05, di M.R.
                          per paparente: grazie a te..vuol dire che se lo lo vedo gli faccio un mio applauso personale per la sua educazione ..almeno io ho il coraggio di ammettere i miei errori quando sbaglio

                          Rispondere al messaggio

                          • Ma quali opere pubbliche? 6 marzo 2009 10:07, di paparente

                            Lasci stare gli applausi ...potrebbe contribuire ad "avvelenare" ulteriormente ed inutilmente il clima visto che già lo hanno fatto tutti questi manifesti e manifestini (ho già scritto in un articolo a parte la mia opinione in merito)....

                            per quanto riguarda il vernacolo della poesia...non credo debba ammettere alcun errore in particolare, non stiamo facendo un compito di italiano....credo che nelle discussioni in un forum conta il contenuto non la forma .

                            di tutto questo discutere/manifestare rimangono alcune cose incontrovertibili ed inconfutabili:

                            - amministrare un paese come Grazzanise è impresa dura, richiede un sacrificio enorme e ci si rimette molto soprattutto moralmente ;

                            - l’attuale fibrillazione politica presente nel nostro paese se da un lato lascia intravedere aspetti positivi:

                            nuove forze, nuove idee che si affacciano sulla scena "politico-amministrativa"; dall’altro evidenzia i soliti aspetti negativi "paesanotti":

                            accuse a destra e manca, scarsa autocritica, impostazione medioevale basata sul metodo:

                            "vota me perchè quello è incapace di fare questo, quello ecc";

                            piuttosto che proporre un più moderno:

                            "vota me perchè sono capace di fare questo, quello ecc.."

                            sostanzialmente ti dicono:

                            devi votarmi perchè gli altri hanno dei difetti non perchè io ho delle qualità.....

                            ...forse l’unica consolazione è che "seppur come una lumaca" questo paese si evolve:

                            LA SVOLTA ha rappresentato una ventata di novità, salutare o meno questo dipende dai punti di vista personali, ma comunque ha permesso "l’eliminazione" dallo scenario politico di alcuni personaggi troppo "vecchi" soprattutto mentalmente, oggi una novità, salutare o meno si vedrà, potrebbero esserlo queste nuove formazioni politiche che si stanno "costruendo"...resta e, forse questo è il vero problema di fondo, l’incapacità..di cercare di "costruire ponti non muri" (Lolek, docet)

                            Rispondere al messaggio

                            • Ma quali opere pubbliche? 6 marzo 2009 21:09, di M.R.
                              Concordo pienamente soprattutto in merito al suo articolo precedente: purtroppo io ho della politica una versione molto personale e forse discutibile; per me anche il più efficace programma politico e le belle parole non mi convincono io credo nella persona che che lo propone : se mi convince caratteriarlmente , umanamente, ha coraggio, dignità, carisma..allora è ok..tutto il resto ( il ruolo politico che svolgerà ) sarà una conseguenza del suo modo di essere...o può darsi che io dica questo perchè di politica vera e propria non me capisco quasi nulla ma sono convinta di quello che penso : quei ricoli manifestini per me hanno messo in luce la presunzione di chi li ha posti in essere e io le persone presuntuose proprio non le digerisco perchè sono quelle che non si mettono mai in gioco..sono i finti moralisti, gli ultimi venditori di aria fritta,quelli che lanciano il sasso e nascondono la mano..Io sono poco razionale e seguo sempre il mio intuito quindi non credo di essere la persona più giusta per parlare di politica..

                              Rispondere al messaggio

                    • Ma quali opere pubbliche? 27 febbraio 2009 22:09, di gioabbate
                      Concordo con una parte del tuo interveno:Grazzanise è un paese strano, tante, ma tante persone si rendono conto dell’esistenza della politica solo in prossimità delle elezioni (se non a elezioni avvenute).Personalmente vorrei che di politica i parlasse continuamente e costantemente nelle sedi opportune,ovvero le sezioni d partito e con i mezzi opportuni.Ed hai ragione anche che i cittadini al momento del voto dovrebbero seriamente analizzare i programmi, ma dovrebbero seriamente analizzare l’operato di chi ha amministrato. Però ti ripeto che le critiche non sono alla persona, ma all’amministratore.

                      Rispondere al messaggio

                • Ma quali opere pubbliche? 28 febbraio 2009 01:09, di avvocato Paolo Parente
                  gentile angy , mi dispiace che la mia risposta al signor di fruscia abbia generato in lei dubbi sulla condotta politica del pd di grazzanise . Mi preme precisare che le mie parole sono state dettate dalla reazione ad un attacco personale, gratuito e ridicolo rivoltomi da una persona a cui non consento assolutamente di esprimersi nei miei confronti in quel tono e in quei termini. Non è mio costume, in qualità di segretario di partito, portare attacchi personali agli esponenti politici. Preferisco occuparmi solo di problemi concreti e non della residenza anagrafica dei miei avversari, e gradirei che altri facessero altrettanto. La ringrazio per la pazienza.

                  Rispondere al messaggio


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout