Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > Castelvolturno: LiberaMente polemizza con l’MpA

Castelvolturno: LiberaMente polemizza con l’MpA

lunedì 29 agosto 2011, di redazione


Castelvolturno - Dopo mesi in cui LiberaMente ha scelto con il silenzio di prendere le distanze da chi con i propri atteggiamenti ha distrutto lavoro di anni senza mantener fede al ruolo demandato dagli elettori, ovvero all’opposizione dell’amministrazione guidata da Antonio Scalzone, LiberaMente rompe il silenzio per rispondere alla segreteria casertana del Movimento per le Autonomie - MpA che "stigmatizza la presa di posizione del consigliere Alfonso Iovine" mentre esalta il partito a livello locale (qualora esistesse) e il consigliere Gennaro Siano di cui confermano il sostegno all’amministrazione Scalzone, ancor più testimoniato dall’imminente ingresso in giunta dell’assessore Armando Coppola, che avrebbe rappresentato la figura di collegamento tra il sindaco e il partito.
LiberaMente ricorda alla segreteria provinciale dell’MpA che nella scorsa tornata elettorale il Movimento per le Autonomie ha fatto parte di una coalizione opposta a quella del candidato Scalzone, quindi, in questo marasma generale, il consigliere Iovine ha portato a termine il suo ruolo con coerenza, mandando a casa un’amministrazione che non aveva sostenuto sin dalla composizione delle liste. Gli assessori subentranti non appartenevano e non appartengono alla nostra competizione elettorale, sono solo il risultato di un patto-stampella mal riuscito, e avrebbero rappresentato solo se stessi e quei consiglieri che si sono ritrovati in assise a seguito di 7 surroghe e che con estrema facilità hanno svenduto la propria posizione, tradendo il mandato elettorale e la fiducia dei cittadini senza alcun senso di lealtà.
La caduta dell’amministrazione Scalzone indica chiaramente che il percorso politico intrapreso dal sindaco e dalla sua ex maggioranza a composizione variabile era fallimentare nelle motivazioni, negli intenti e nelle prospettive. La scelta del consigliere Iovine, unitamente a quella degli altri dieci firmatari, è stata un atto responsabile e maturo che porta finalmente alla luce, con estrema chiarezza, quali sono le differenze tra chi ha a cuore il destino della nostra città, e chi soltanto il suo: i fatti infatti parlano per tutti. Nello scenario intanto che si apre LiberaMente tornerà a impegnarsi per Castel Volturno con lo stesso entusiasmo e la stessa determinazione dei mesi passati.

Co. Sta.

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout