Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Terza pagina > Il ritorno della positività nella poesia

Il ritorno della positività nella poesia

giovedì 20 novembre 2008, di redazione


Che cosa sono i fiori?
non senti in loro come una vittoria?
La forza di chi torna
da un altro mondo e canta
la visione. L’aver visto qualcosa
che trasforma
per vicinanza, per adesione a una legge
che si impara cantando, si impara profumando.

Che cosa sono i fiori se non qualcosa d’amore
che da sotto la terra viene
fino alla mia mano
a fare la festa generosa.

Che cosa se non
leggere ombre a dire
che la bellezza non si incatena
ma viene gratis e poi scema, sfuma
e poi ritorna quando le pare.

Chi li ha pensati i fiori,
prima, prima dei fiori.

da Senza polvere senza peso, Einaudi Editore 2006, pag.121 Mariangela Gualtieri ( 1951)

La poesia, formata da 4 gittate strofiche, si presenta come una serie di domande, alle quali il poeta subito fornisce risposte, dirette e indirette, esplicite ed implicite, chiare e allusive. Tutte e quattro iniziano con un pronome interrogativo (Che cosa, Chi) a porre in rilievo la qualità indagatrice del poeta, la volontà di andare oltre la superficie, di superare il deja-vu, di sgretolare incrostazioni concettuali e comportamentali. Vi è una pacata ma ferma volontà di trovare e dare risposte nuove. La semplicità del dire, del chiedersi,(che cosa sono i fiori? Chi li ha pensati) non sta ad un semplicistico e banale esplorare sotto la faglia freatica dell’essere, bensì ad un’azione di trivella che, perforando le superficie del vivere, ne porta alla luce l’essenza: l’amore. L’amore della riscossa dall’anonimato, dalla insignificanza, l’amore palingenetico, che salva e rinnova, che ‘viene …a fare la festa generosa’. La vita ridiventa festa, riconquista i suoi originari e originali colori e profumi. I fiori qui sono l’emblema, il simbolo, ma anche la concretezza dell’amore; sono la vittoria, ‘la forza di chi torna/da un altro mondo e canta/la visione’. I fiori portatori di luce e di verità nuove, di verità dimenticate, di verità seppellite dalla società contemporanea, alla ricerca delle apparenze, dei surrogati. Questi della Gualtieri non sono i milioni di fiori di plastica, ma sono fiori veri che sanno trasformare ‘per vicinanza, per adesione ad una legge/ che si impara cantando, si impara profumando’. Qual è la legge? E’ ora ovvio che è la legge dell’amore, della vicinanza all’umanità , alla natura, ai profumi, al profumo di ciò che è oltre le apparenze, è la vicinanza a Dio, che pur non essendo mai nominato è presente prepotentemente nel distico finale: ‘Chi li ha pensati i fiori,/ prima, prima dei fiori.

La forza comunicativa della poesia è affidata, inoltre, alla punteggiatura e al ritmo. I numerosissimi nuclei giambici danno sostanza ritmica ad un crescendo, ad un elevare affidato alla seconda sillaba della coppia, come a voler sollevare il piede, la mano, la testa, lo spirito del lettore. L’attacco con l’accento sulla seconda sillaba di cosa, di sono, di fiori nel verso 1 e negli altri versi successivi è una scarica di energia, una sorta di fluido elettrico che scorre sotto pelle nel lettore, che inconsapevolmente si ricarica e si sente positivo. Sì, la positività dopo decenni e decenni di negatività, ritorna a far capolino nella poesia italiana, grazie a questa poetessa dallo sguardo acuto e profondo. Ci sarebbe da dire ancora molto sulla punteggiatura, ma il discorso si allungherebbe di molto. Per il momento godiamoci questo capolavoro rileggendolo con gli occhi, ad alta voce, seduti, in piedi e lasciamoci avvincere e trasformare. Una bella cura contro la depressione imperante.

Prof. Giuseppe Rotoli

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout