Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Ambiente > Nuova assemblea sui rifiuti. Il sindaco Parente insoddisfatto per le troppe (...)

Nuova assemblea sui rifiuti. Il sindaco Parente insoddisfatto per le troppe assenze

venerdì 14 dicembre 2007, di redazione


Favorire la nascita di un Comitato civico a Grazzanise era lo scopo principale dell’assemblea indetta per questa sera presso la Scuola Media. Il numero esiguo dei cittadini presenti ha consigliato il rinvio della decisione. E’ la seconda volta nel giro di pochi giorni che assemblee pubbliche sul tema dei rifiuti vanno quasi deserte malgrado gli sforzi del sindaco E. Parente.
L’incontro è servito comunque a mettere a fuoco un paio di problemi. Il primo è quello delle bollette della Tarsu che cominciano ad arrivare.
Qualche cittadino si lamenta della concomitanza di questo balzello con altre scadenze di fine anno, come, per esempio, l’ICI.
Ebbene, malgrado la dichiarazione del primo cittadino nella conferenza stampa del 2 novembre scorso secondo cui le bollette sarebbero aumentate solo di pochi euro, la differenza sul 2006 appare spropositata, secondo i cittadini che le hanno già ricevute, tenendo anche conto del fatto che il servizio di raccolta da due anni non è assicurato tutti i giorni.
Nell’odierna assemblea il sindaco Parente, che era accompagnato dal consigliere provinciale G. Raimondo e dall’assessore C. Carlino, ha illustrato le varie componenti che incidono sul costo del servizio che sarebbe peggiorato a partire dal 1/5/2005, cioè da quando il consorzio è passato a regime pubblico.
Grava inoltre sulla bolletta, secondo il primo cittadino, l’alto numero di dipendenti "che nessuno ha richiesto". Ha anche affermato che il Comune paga una somma inferiore ai 60.000 euro mensili richiesti dopo aver verificato che non tutti i servizi previsti vengono effettuati.
L’argomento bollette sarà approfondito nel corso di un’altra assemblea in preparazione per il mese di gennaio, organizzatta dall’Associazione Culturale Tre Grazie.

L’altro punto in discussione era, come si è accennato, la costituzione di un comitato civico che informi ed organizzi la protesta popolare contro la localizzazione della discarica all’Arianova, in comune di Pignataro ma vicinissimo a Brezza, e delle ecoballe in località Carabottoli, nel comune di Carinola ma al confine con il nostro territorio.
Con l’ausilio di diapositive l’assessore Carlino, a sua volta, ha dimostrato come il territorio dell’Agro Caleno e del Basso Volturno sia già accerchiato dai rifiuti e come nella provincia di Caserta ci sia un’alta concentrazione di siti.

E’ intervenuto il Consigliere ed ex sindaco M. Vaio che ha tuonato contro coloro che dall’interno delle istituzioni locali hanno suggerito i siti delle discariche e ha provocatoriamente proposto di far spostare di cento metri il sito delle ecoballe per ricavarci almeno il "ristoro". Ha anche caldeggiato la proposta che ognuno dei quattro consorzi della provincia realizzi una propria discarica, più piccola, in cui possano sversare solo i comuni aderenti. Ipotesi suggerita anche da E. Parente.
L’Assemblea si è chiusa con l’esortazione del sindaco a partecipare al consiglio intercomunale aperto che si terrà all’Arianova domani alle 14,30.

frates

Portfolio

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout