Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Attualità > Stadio comunale: finalmente la manutenzione straordinaria

Stadio comunale: finalmente la manutenzione straordinaria

I lavori permetteranno la fruibilità di campo e spogliatoi e l’illuminazione esterna

giovedì 11 settembre 2014, di Peppe Florio


GRAZZANISE – E’ stato approvato, dopo anni di attesa, il progetto definitivo-esecutivo per i lavori di manutenzione straordinaria dello stadio comunale “Massaro”, chiuso nel 2012 e riaperto in parte solo ora, non senza distruggere in un colpo, con la chiusura, anni di storia della locale squadra di calcio. 16 mila 300 circa, nel complesso, gli euro messi a disposizione per questi interventi, che almeno miglioreranno la struttura, pur non andando a completare quel che era il progetto, mai terminato, del 2004.

In quell’anno infatti, l’ingegnere Luigi Pianese e l’architetto Marco Filipponio redassero un progetto da 1 milione 300 mila euro, che, con il benestare del Coni, prevedeva la realizzazione di gradonate con sottostanti servizi e spogliatoi, la realizzazione di 6 torri faro per l’illuminazione del campo, la realizzazione ex novo del campo di gioco con la relativa posa di manto erboso sintetico, l’implementazione delle uscite di sicurezza, la sistemazione degli esistenti servizi igienici per il pubblico ed il raddoppio degli spogliatoi esistenti con l’adeguamento e/o rifacimento dei relativi impianti elettrici. In quello stesso 2004 fu approvato anche il primo stralcio del progetto, che prevedeva la realizzazione di gradinate per un totale di 370 posti per i tifosi locali e 395 per gli ospiti, per un importo di 291 mila 414 euro. I lavori, affidati alla ditta casalese Edil Ca 2, furono collaudati nel 2006.

Con le economie di ribasso del primo stralcio, nel 2008 fu redatto anche il progetto per la copertura metallica delle gradonate, affidata alla ditta Anc srl di Casal di Principe. Fu anche il mancato collaudo di questa stessa copertura – avvenuto solo a maggio del 2013 e costato poche centinaia di euro – a portare alla chiusura della struttura.

Completare gli altri stralci del progetto del 2004, al momento, sarebbe impossibile per l’ente, che non ha risorse sufficienti, ma, viste le insistenze delle associazioni sportive, che da anni contribuiscono a creare una realtà sana per i giovani del paese, la commissione straordinaria ha deciso di intervenire in qualche modo per risolvere almeno in parte la problematica. I lavori, previsti nel progetto redatto dall’architetto Nicola Cozzolino, infatti, permetteranno la fruibilità del terreno di gioco mediante l’adeguamento dell’impianto elettrico all’interno degli spogliatoi esistenti e dell’impianto di illuminazione esterna.

Peppe Florio
 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout