Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > Ma si! facciamola questa chiarezza…ma con documenti alla mano!!!

Teresa Cerchiello risponde con una lettera aperta alla lettera aperta di Rosario Ciliento

Ma si! facciamola questa chiarezza…ma con documenti alla mano!!!

domenica 14 settembre 2014, di Teresa Cerchiello


Ciliento, è giunta l’ora di far chiarezza su quello che è e quello che è stato dal 2 febbraio 2014 il Circolo Territoriale del PD di Grazzanise, anche al fine di far prendere consapevolezza al futuro elettore, il tutto con prove documentali, dopo aver letto la lettera aperta del tesserato Pd di Grazzanise Rosario Vincenzo Ciliento

Il giorno 2 febbraio 2014, dopo alcuni rinvii per cercare di trovare un accordo fatto sulle poltrone da spartirsi e non sui programmi, alcuni dei quali tenutisi anche presso la Federazione provinciale del Partito Democratico di Caserta, venivo eletta segretaria della locale sezione vincendo il congresso per 50 a 47. Ad apertura di assemblea congressuale fu messa a votazione la composizione del direttivo: fu votata la composizione di un Direttivo di Circolo di 13 membri (vedi liste). A questo punto chiunque mastichi un tantino di politica dovrebbe sapere che nel computo non si calcola il segretario eletto: alle elezioni comunali del maggio prossimo, infatti, a Grazzanise si eleggerà un consiglio comunale di 12 membri, e si dirà che lo stesso è composto da 12, ma è palese che il futuro sindaco (13esimo elemento) sarà parte integrante del Consiglio Comunale… Ma tal cosa non era così per alcuni militanti del PD grazzanisano.

Per far chiarezza invio continue richieste di copie di verbali congressuali alla federazione casertana: ma, si sa, in altri tempi e in altri luoghi anche nelle Prefetture capitava che verbali elettorali venissero mangiati dai topi e smarriti. Quindi, per il tesserato Rosario Ciliento il direttivo del Circolo era composto da 7 membri eletti nella mia lista (compresa la segretaria) e 6 nella sua…ma, facendo lui stesso un calcolo, diceva il contrario. "Il metodo del quoziente naturale q=v/n. Quindi q=98/13 che = 7,54. A questo punto la lista Cerchiello: 50/7,54=6,6 quindi 6 seggi e resto 0,6. Lista Ciliento: 47/7,54=6,2 quindi 6 seggi e resto 0,2. A questo punto siamo sei a sei. La lista Cerchiello, però, ha un resto di 0,6 contro lo 0,2 della lista Ciliento, quindi ha diritto ad un altro seggio. Siamo a 6+1 contro 6 ergo 7 a 6. Non capisco perché tu vorresti contare la segretaria togliendola dalla mia lista" scrive Ciliento l’11 marzo

Si inizia a lavorare per il paese e per il partito, ma il Ciliento ed il suo gruppo risulta assente a tutte le riunioni di direttivo (fatto salva quella del 14 febbraio, dove casualmente dovevano essere assegnati gli incarichi) non contribuendo neanche economicamente alle attività del circolo ed inizia la guerra verso la mia segreteria.
Si invitano i vecchi dirigenti ad effettuare il passaggio di consegne per dare il via alle attività, ma: 1) L’ex segretario si rifiuta di catalogare e fare il passaggio di consegne; 2) Il tesserato Pasquale D’Abrosca, che pochi giorni prima mi comunicava credenziali della posta elettronica del gruppo Facebook tramite sms, a richiesta dei documenti contenuti nella casella di posta elettronica, che era stata trovata vuota, mi comunicava per via email che non era lui il gestore della posta elettronica ; 3) L’ex tesoriere Antonio Palladino, il quale mi aveva consegnato in presenza di due testimoni un quadernino in cui erano annotate entrate e uscite a richiesta di chiarimenti sui soldi incamerati dalle primarie dell’11/11/2013 (Congresso Provinciale) e dello 08/12/2013 (Congresso Nazionale) e che non risultavano annotati, mi comunicava via sms che per quanto lo riguardava aveva già dato. "Non ho intenzione di riprendere il discorso. Per me è chiuso" scrive Palladino

Beh, ero diventata per loro un incubo, un nemico da abbattere. Ma si continua a lavorare, per il paese e per il partito. In seguito alle altre sollecitazioni sulla richiesta dei verbali congressuali, giunge, in data 18/03/2014, dalla federazione provinciale una comunicazione che recita: Si era passati addirittura da 13 a 10…….con tanto di liste allegate che dimostravano il contrario di ciò che era scritto nella comunicazione.

Il mio vice (Christian Petrella ndr) che non si sente ascoltato (?) mi invia solo una comunicazione… passa dall’altra parte.

Agli inizi di aprile, precisamente l’11/04/2014, mi giunge una nota dalla Federazione Provinciale in cui mi si comunicava che giorno 27 marzo era stata depositata una mozione di sfiducia nei miei confronti e per tanto era indetta una nuova assemblea congressuale. Lo Statuto del PD Campania prevede che la mozione di sfiducia vada presentata al circolo e discussa, pertanto presento ricorso alla Segreteria Regionale che annulla il provvedimento. Vista la loro insistenza, convoco per giorno 17 aprile il direttivo con all’ordine del giorno anche la discussione della mozione di sfiducia nei miei confronti. Coloro che vogliono sfiduciarmi non si presentano alla riunione di direttivo. La mozione viene discussa e respinta.

Continuano attacchi a mezzo stampa su una ipotetica minoranza nel direttivo, 90 firme raccolte contro di me, etc etc. Non contenti, e per cercare di raggiungere il loro unico obiettivo, giorno 29 aprile giunge, presso la mia residenza, a mezzo raccomandata, la stessa mozione di sfiducia. Il mittente è Paolo Antonio Zito. Vi starete chiedendo perché giunge a casa mia la mozione, quando lo statuto, come ho detto pocanzi, prevede che sia presentata al circolo e discussa e soprattutto dopo che è stata anche discussa in direttivo. Bho! Eppure in una nota inviata via email di alcuni giorni prima il segretario provinciale del mio Partito scriveva (in data 11/04) : “risulta regolarmente depositata…” Premonizione? Magia? Bho!

Per essere chiara, e per ricordare loro che è stato convocato un direttivo appunto per discuterla, comunico via mail che è stata discussa e respinta la mozione.

Andiamo oltre! Si avvicinano le Europee. Provo ad organizzare un gruppo di lavoro con il socialista Peppe Raimondo e il gruppo di Ciliento. Quest’ultimo è presente solo alla prima riunione (non parteciperanno a volantinaggi e gazebo.... niente di niente! Inviteranno l’onorevole Cozzolino privatamente in un bar.....loro son chic) in cui comunica che lui e il suo gruppo sosterrà Cozzolino...anche in questo caso non si trova convergenza; Peppe, giustamente, comunica che sosterrà il candidato Serpillo, in quanto del Psi, e Pina Picierno; noi sosterremo Caputo e Picierno…. Ma anche in campagna elettorale continuano i colpi bassi… 1) giunge un esposto da parte del segretario locale di Forza Italia per l’affissione abusiva di manifesti del candidato Cozzolino (vergogna delle vergogne); 2) dalla federazione provinciale di Caserta del Partito Democratico di Caserta giunge una nuova convocazione di assemblea Congressuale per il giorno 11/05 poi spostata al 31/05…..nel frattempo ripropongo ricorso agli organi competenti del Partito.

Arriva il giorno delle elezioni. Forte solo di una minoranza (?) interna e di 30 giorni di lavoro i nostri candidati triplicano i voti ottenuti dall’on.Cozzolino. Cose che succedono quando si lavora… e quando non si è in minoranza. Il giorno successivo, forse non contenti dei voti ottenuti per l’on.Nicola Caputo (acerrimo nemico di qualcuno come se avesse ucciso il figlio nella culla) e Pina Picierno, i pochi per Cozzolino e i pochissimi per Maiolo, giunge comunicazione che il famoso direttivo eletto il 2/2/2014 è composto da 13 membri. Tale magia di ricostruzione della composizione del numero del Direttivo è stata possibile dopo l’audizione dei membri dell’ufficio elettorale (uno dei quali candidato nella lista Ciliento): come se un presidente di un seggio elettorale sia anche candidato, ed il padre dell’ex vicesegretario… Andiamo bene! Si avvicina il giorno 31/05/2014, la Commissione Provinciale di Garanzia comunica che “l’azione” del segretario provinciale è corretta, ma era giunta anche una nota dalla segreteria regionale, organo del Partito superiore, che annulla la convocazione dell’assemblea Congressuale.

Nella mattina del giorno 31/05/2014 contrariamente a quanto comunicato dalla segreteria regionale e dalla stessa email della federazione provinciale che convocava l’assemblea congressuale per il pomeriggio alle ore 15,30 (email allegata) alla presenza del Segretario Provinciale si riunivano 8 tesserati a fronte di 114 iscritti nella sede del Psi (presente era anche un giornalista) e si eleggevano un nuovo segretario ed un direttivo (precisiamo che alcuni eletti nel direttivo non erano neanche presenti). Se non è forzatura questa, è un imbroglio?

I protagonisti di questa vicenda hanno nome e cognome e forse vi verranno a chiedere i voti. Ho deciso di allegare alcuni documenti, e altri ne ho ancora, al fine di tutelare soprattutto gli elettori ed i miei paesani perché, se si provano a fregar i militanti dello stesso partito, non voglio che in futuro vengano fregati, a nome del mio Partito, i miei compaesani.

Al sig. Ciliento e al suo gruppo chiedo di dimenticare il mio nome. Per quanto riguarda le suppellettili, stia sicuro che sono tutte catalogate, filmate, incellofanate e inutilizzate, e a termine dell’iter della Commissione di Garanzia, qualora dovesse aver ragione ed esser riconosciuto segretario verrà tutto restituito. Se lei, tesserato, avesse frequentato la sezione, rispondendo almeno alle convocazioni delle riunioni, forse le chiavi le avrebbe ottenute. Si ricordi inoltre che in democrazia il voto è sacro e nessuno dovrebbe accettare imposizioni dall’alto. Nel frattempo continua a far le tue scelte ed il tuo percorso… che sicuramente porterà benefici solo al tuo PD. E basta ad ergerti vittima di complotti etc etc… non paga in politica (soprattutto). Presto ci saranno gli elettori a giudicare. Altri documenti li mostrerò nei tempi dovuti, magari in piazza. Questi, giusto per iniziare a far realmente chiarezza. Ancora una volta il TEMPO sarà Galantuomo.

Teresa Cerchiello

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout