Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Attualità > Un gassificatore in alternativa al termovalorizzatore

Un gassificatore in alternativa al termovalorizzatore

venerdì 29 giugno 2007, di kore


Grazzanise - Lavori a pieno ritmo, e anche piuttosto “segreti”, nel settore Ambiente. Dalla Casa comunale è trapelata la notizia che questa mattina alle 10:30 si terrà nella sala giunta del Comune di Grazzanise un tavolo di concertazione tra i sindaci di Cancello Arnone, dott. Pasqualino Emerito, Santa Maria La Fossa, dott. Bartolomeo Abbate, Francolise, dott. Andrea Russo, e ovviamente Grazzanise, per discutere dell’ ipotesi, da più parti ventilata, di costruzione di un impianto modulare di Dissociazione Molecolare sul nostro territorio. Il gassificatore è un impianto che a partire da vari materiali (fra cui determinati tipi di rifiuti) ricava combustibili gassosi che impiega per la produzione di energia. E’ proposto come una alternativa agli inceneritori poiché, a fronte di un investimento relativamente modesto sia in fase di costruzione sia in gestione (grazie alla possibilità di introdurre una grande varietà di materiale organico anche non trattato e in virtù della non necessità di smaltire o filtrare grandi quantità di emissioni o rifiuti tossici), permette di ottenere un guadagno costante e sicuro, il che dà alte potenzialità di sviluppo anche nel medio-breve termine, in un contesto di difficoltà di smaltimento dei rifiuti e di opposizione alla costruzione di inceneritori tradizionali per i timori per la salute e l’ambiente. L’ eventuale costruzione dell’ impianto, uno dei primi su tutto il territorio nazionale, utile allo smaltimento dei rifiuti nelle zone che hanno fino a 20.000 abitanti, avrebbe bisogno di spazi limitati (da individuare sul territorio di Grazzanise, che si pone come comune capofila del progetto), appena 1500 metri quadri su cui edificare due capannoni, e si pone come alternativa più sostenibile al termovalorizzatore di Santa Maria la Fossa, che tra l’altro, non potendo incamerare tutti i tipi di rifiuti, non risolverebbe comunque l’annoso problema dello smaltimento alla radice. Staremo a vedere cosa si deciderà in questa e nelle prossime ore.
 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout