Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > Campi Stellati - Nuovi Orizzonti: dialogo per un accordo

Campi Stellati - Nuovi Orizzonti: dialogo per un accordo

D’Elena: "Una scelta umana e politica" - Conte: "Ringraziamo e stiamo valutando"

lunedì 27 ottobre 2014, di Peppe Florio


GRAZZANISE - Quel "nuovi orizzonti" pronunciato più volte, ieri sera, durante il comizio di "Campi Stellati" sembrava più che altro una provocazione del leader Domenico D’Elena a Federico Conte (invitato ufficialmente ad essere presente in piazza) e a Nuovi Orizzonti. E invece, è accaduto proprio quello che fino a poco tempo fa, sulla scorta di quanto lo stesso D’Elena aveva dichiarato (ovvero l’incandidabilità, nella propria lista, di persone che avevano fatto parte del consiglio comunale, in maggioranza o minoranza, tra il 2000 e il 2012), sembrava impossibile: stando a quanto confermato da entrambi i leader, è in corso un dialogo tra i due gruppi in vista delle prossime elezioni amministrative.

Sarebbe questa la "provvidenza" tanto attesa da D’Elena, che ha preferito bloccare la propria lista a 6 nomi (lui, Di Resta, Nobile, Parente, Fusco, Raimondo), per stare a guardare un po’ prima di arrivare a 12.

Non si tratta, in realtà, di una semplice apertura di D’Elena a Nuovi Orizzonti, rivale alle amministrative del 2010 e gruppo di opposizione fino al 2012, ma già sarebbero stati messi in chiaro alcuni punti che i due gruppi dovranno discutere privatamente e poi insieme. Piccola premessa però: quella di D’Elena - ed egli tiene a precisarlo - è un’apertura al giovane Conte, con cui è sempre stato pronto a confrontarsi e a discutere, non al vecchio-Nuovi Orizzonti.

Le condizioni dell’accordo, secondo quanto dichiarato da "Campi stellati", sono essenziali: D’Elena sindaco, Conte vicesindaco, un assessore espresso da "Campi stellati", gli altri da "Nuovi Orizzonti", 6 candidati a testa e programma da scrivere insieme; dopo queste elezioni e dopo l’eventuale mandato amministrativo, D’Elena uscirebbe di scena. Conte, come egli stesso ha dichiarato, sta valutando e valuterà con il proprio gruppo la proposta di "Campi Stellati", che ringrazia per l’attenzione dimostrata.

Accettando, entrambi i gruppi farebbero marcia indietro rispetto a quanto dichiarato o fatto negli ultimi tempi. Il momento, però - è questa l’impressione che si ha parlando con i due gruppi - è critico e quindi l’alleanza farebbe bene ad entrambi e andrebbe anche a sfoltire il frastagliato elenco di liste che vorrebbero concorrere in primavera, che di fatto non fanno altro che frantumare l’elettorato. "E’ una scelta umana e politica" dichiara D’Elena, che, dopo oltre un trentennio di politica attiva, "in cui sono sempre andato contro tutto e tutti", sogna probabilmente di chiudere la carriera con la fascia tricolore. Marcia indietro rispetto all’estate, invece, quella di Conte che, dopo aver rifilato un secco no a una proposta simile giunta da "Senso civico", con Enrico Petrella sindaco e Conte vice, sta invece ragionando sulla proposta di D’Elena. Ma in questo caso, forse, ci si è messa la differenza di età e l’esperienza politica molto annosa del leader di Campi Stellati a rendere più riverente l’atteggiamento dell’ex capogruppo di minoranza.

Solo dopo che i due gruppi avranno discusso e avranno eventualmente trovato un accordo si potrà parlare. Da osservatori non si può fare altro che constatare che, se il momento critico porta a colpi di scena così improgrammabili, allora difficile diventa pensare che sia possibile tentare pronostici, in base a dichiarazioni o avvenimenti, circa la morfologia della scheda che gli elettori prenderanno in mano in primavera prossima.

Peppe Florio
 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout