Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Opinioni > Non possiamo piacere a tutti (meno male) ma rivendichiamo la nostra (...)

Non possiamo piacere a tutti (meno male) ma rivendichiamo la nostra indipendenza!

domenica 10 ottobre 2010, di redazione


GRAZZANISE - Tre anni e mezzo di vita, oltre 1300 articoli, 11 quaderni storico-letterari, più di 165.000 visite, molte da fuori Grazzanise, alcune dall’estero. Possibilità per gli utenti non solo di leggere ma anche di intervenire su qualsiasi argomento. Apertura incondizionata a tutti, specialmente a quelli che la pensano diversamente. Spirito di servizio alla cittadinanza. Nessun tornaconto personale, nessuna autopromozione, ma soltanto lavoro e sacrifici anche economici.

Questo è Grazzaniseonline, portale di notizie di Grazzanise e del Basso Volturno, nato e gestito per offrire alla cittadinanza uno strumento di partecipazione democratica, un’agorà dove nessuno è estraneo e ognuno può sentirsi protagonista della vita sociale del proprio paese, uno strumento di conoscenza per i tanti nostri concittadini che vivono fuori.

In questi tre anni e mezzo abbiamo dato voce a tutti, senza guardare al colore politico né alla bella scrittura. Chiunque ci ha mandato un articolo, un comunicato, una nota se l’è visto pubblicare immediatamente e senza censure.

In ogni nostro articolo ci sforziamo di essere chiari e precisi evitando personalizzazioni e strumentalizzazioni. Un lavoro quotidiano che ci impegna intellettualmete e fisicamente (e di cui potremmo anche fare a meno) da cui traiamo un unico compenso, la soddisfazione e la gratitudine di chi ci legge e la tranquilla coscienza di aver fatto le cose con scrupolo e imparzialità. Per noi sono valori molto importanti.

Ci gratificano molto i messaggi di coloro che pur dissentendo dalle nostre opinioni, ci riconoscono la schiettezza di atteggiamento, la sincerità dei sentimenti e l’utilità del servizio che offriamo. Sono tanti coloro che hanno avuto con questo portale rapporti anche conflittuali ma continuano a ’navigarlo’ e a scrivere nelle sue pagine.
Ci dispiace invece per quelli, per fortuna pochissimi, che pensano di questo sito tutto il male possibile. Ogni opinione è legittima e la rispettiamo e se dovessero mandarcela per iscritto non esiteremmo a pubblicarla. Non ce la prendiamo neppure quando il nostro prodotto è definito, con vera eleganza, “na schifezza ’e sito” o “sito appizzuttato”, o "sito comunista" (che oggi è il massimo dell’ingiuria secondo i parametri in voga a Roma), o "sito ’e Peppe ’o russo", con evidente malafede oltre che ignoranza.

Certo non possiamo accontentare tutti, non abbiamo questo dono. A volte, senza volerlo, urtiamo forse la suscettibilità altrui, soprattutto quando l’altrui appartiene al mondo della politica. Purtroppo, per una forma primitiva di protagonismo, succede che la politica, a Grazzanise come a Roma, non accetti di confrontarsi, di essere osservata, analizzata e, orrore!, criticata.

Oggi nella politica impera il concetto che chi è stato eletto dal popolo non può essere messo in discussione. Assai bene hanno saputo analizzare questo aspetto altri gestori di siti web, non lontani da noi, che si trovano ad affrontare le stesse problematiche. “L’esito delle elezioni – ha scritto recentemente Bartolo Mercone, direttore del sito Comunedipignataro.it - di norma decide chi avrà il diritto-dovere di amministrare, non consegna la proprietà del paese pro tempore alla maggioranza. Qualcuno, prigioniero e nostalgico di vecchie logiche, pare abbia una visione privatistica della res publica, che non viene amministrata ma che viene gestita mediante un eccessivo esercizio del potere”.

Succede così che involontariamente ci si trova a fare i conti con chi pensa di essere al di sopra di tutto e di tutti e di essere trascinati in discussioni di piazza o additati in pubblico comizio.

Perché poi? La gente si chiederà: che cosa ci sarà in quel sito da meritare giudizi così sprezzanti?
Buona parte di quella gente non sa, non ha letto, ascolta soltanto la tiritera del capo. Se quella gente avesse la possibilità di andare alla fonte si accorgerebbe che il politico, per questioni sue, non aveva colto né lo spirito né la lettera di quanto era stato scritto.

Attacchi spropositati e senza fondamento provenienti da varie parti sono all’ordine del giorno. La politica raramente è servizio, spesso è interesse personale, in molti casi è brama di potere, ma sempre è narcisismo. L’homo politicus tiene in modo abnorme alla propria immagine e diffida di chiunque possa metterlo in ombra. E’ difficile trovare un politico che non reagisca male a un articolo non favorevole. E questo vale a 360 gradi.

Ci dispiace, ripetiamo, di non avere il 100% di consensi ma non ci possiamo far nulla.
Possiamo solo promettere di impegnarci ancora di più e meglio per rendere un servizio quanto più decoroso possibile e non ci lasceremo trascinare in polemiche assurde né tantomeno ci faremo intimidire.

frates

Rispondere all'articolo

 

6 Messaggi del forum

  • Sono un lettore diciamo giornaliero di questo portale. Lo leggo con l’ottica di chi vuole informarsi e vuole un informazione diversa, la mattina quando apro il browser e lo indirizzo verso questa pagina non mi aspetto di trovare i fatti di cronaca o l’inciucio del giorno prima, per quello c’è il giornale. Leggo e apprendo le notizie con l’ottica di chi sa, che questa pagina è spinta dall’impeto intellettuale di chi crede da anni di far cosa buona e giusta!!!. In molti si lamentano di non trovare per inciso le ultime parole del comizio del sindaco(pardon consigliere). Qualcuno avrà da ridire di non aver potuto apprendere da queste pagine gli ultimi punti del comizio di nuovi orizzonti. Taluna notizia di qualche allagamento potrà apparire come un attacco all’attuale amministrazione. Il problema è che questo è un portale di informazione indipendente non deve tener conto di nessun formalismo di stampa, non deve esserci necessariamente sensazionalismo per vendere qualche copia in più. Quà chiunque può scrivere assumendosene la responsabilità; forse qualcuno si lamenta che il suo articolo anonimo non sia stato pubblicato...ma cavolo...è scritto a chiare lettere nel regolamento...come direbbe qualcuno...leggete le Carte!!!. Chi gestisce questa pagina lo fa a sue spese...e come dicevano i bambini(anche se non è il caso)"il pallone è mio e ci faccio giocare chi voglio io", quindi e chiaro che talune opinabili regole siano fatte secondo la coscienza dell’amministrazione. Personalmente difendo questa pagina perché domani mattina, sinceramente, ci rimarrei male se non potessi più consultarla, mi dispiacerebbe non assistere alle beghe di qualche lettore, ai litigi su qualsivoglia questione, al fatto che chi sta fuori da Grazzanise(sono un giovane laureato e forse questo sarà il mio destino) può sentirsi più vicino al suo paese...Frates continua con il tuo lavoro e non ti curar dell critiche non costruttive perchè: quando la volpe non arriva all’uva, inizia a dire che è acerba

    author:Ferdinando Visone

    Rispondere al messaggio

    • Caro Frates, non è la prima volta (e non sarà purtroppo nemmeno l’ultima) che grazzaniseonline finisce sul banco degli accusati. Anche lei, come decine e decine di nostri concittadini, è finita sotto il fuoco di fila della scarsa lucidità comportamentale del consigliere comunale Enrico Parente.

      Grazzaniseonline è il punto di riferimento quotidiano di tutti quei nostri concittadini che risiedendo lontano da Grazzanise e che desiderano leggere notizie sul proprio bel paese. In questo lei offre un importantissimo servizio libero e gratuito. Soprattutto libero!!

      Fino alla fine della scorsa legislatura, alcuni esponenti di maggioranza hanno qualche volta risposto dalle pagine di questo sito a critiche, sollecitazioni e/o proposte di cittadini. Negli ultimi mesi, invece, a causa dell’ulteriore imbarbarimento della dialettica politica, voluto (e cercato con ogni mezzo) da chi da ciò è sicuro di trarre ulteriore bacino elettorale, ha fatto si che nessun esponente svoltista abbia più fatto uso di questo importantissimo strumento.

      E allora grazzaniseonline è diventato agli occhi svoltisti, solo e semplicemente un sito d’opposizione, il sito di Nuovi Orizzonti, un sito comunista, o “u sit e pepp u russ”… Tutte queste persone dimenticano che grazzaniseonline è a disposizione di tutti: sindaco,assessori, maggioranza, opposizione, movimenti, forze d’opposizioni non presenti in consiglio comunale, cittadini, associazioni sportive, culturali, giovanili, ludiche, religiose, di pensiero, scrittori, aspiranti giornalisti, ecc ecc… tutti con un proprio account e una propria password possono accedere al sito per proporre articoli e/o rispondere ad articoli e commenti di altri utenti.

      Se alcuni ignorano ciò, e soprattutto se dopo gli stessi criticano duramente questo sito, può avvenire per due motivi:

      1.o non sanno utilizzare questo importante strumento di comunicazione (ma non credo sia questo il caso)

      2.oppure è semplicemente comodo far passare grazzaniseonline per un blog d’opposizione, invitando la popolazione a non leggerlo, cercando (in classico stile antidemocratico) di tenere per quanto più tempo possibile fermo il velo che copre la verità sulle vicende che vedono protagonista l’amministrazione comunale grazzanisana.

      Per fortuna buona parte della popolazione grazzanisana ha una propria testa e un proprio pensiero, è capace di scegliere da se qual è la buona e qual è la cattiva informazione! I numeri danno ragione a lei frates e non a chi cerca di denigrarla.

      Vada avanti così!

      Rispondere al messaggio

      • io non critico il blog ma l’uso che lei ne fa..molte volte mi sono chiesta dell’utilita nel proporre alcuni forum, per esempio sondaggio sul nuovo sindaco, le lettere del giovane tallino(che ammiro per la sua cultura..e stop) , ...tutto cio che lei sa scatenerà sicuramente polemiche ...mi viene spesso dunque in mente quel tipo di tv spazzatura (come quella della D’urso) che per fare sensazionalismo invita in trasmissione ospiti che dicono di parlare con gli extraterrestri o dice col sorriso sulle labbra che il corpo di Sara Scazzi è stato ritrovato.. a questo punto mi chiedo il popolo è stimolato alla polemica ma chi è che la provoca? lei come la d’urso si indigna quando la criticano... ma cosa le impedisce di invitare in trasmissioni alcuni personaggi o proporre inutili discussioni?...Glelo impedisce sicuramente la classe che non ha e l’incapacita di capire in quale contesto si trova ad operare..lei è il direttore di una biblioteca... la crescita di tale istituzione la definisce positiva? ci ha elencato le visite fatte al sito...ci dica che cosa vuol fare per incrementare le visite alla biblioteca stessa...quali sono i suoi progetti in proposito? curi di piu l’aspetto letterario e culturale e cambi la linea di gestione del sito....sul suo operato gratuito e sulla sua cultura nessuno puo criticarlo ,ma non le sembra che lei alimenti polemiche e butti nel dimenticatoio la carica che le è stata affidata ?...direttore di una biblioteca civica vale a dire tutto cio che dovrebbe essere di soStegno all’assessore alla pubblica istruzione e di conseguenza alla cittadinanza stessa.. nonstante sono convinta che con il suo sarcasmo potrebbe rispondere che sono =ospite" non gradita nel suo sito parafrasando le mie parole confido nella sua "indignazione" per una risposta che le darebbe il premio almeno di non fare la politica dello struzzo....MARTA RAIMONDO

        Rispondere al messaggio

        • Il suo commento dimostra, qualora ce ne fosse bisogno, che questo sito dà voce a tutti... ma proprio a tutti. Franco Tessitore

          Rispondere al messaggio

          • “Spirito di servizio alla cittadinanza. Nessun tornaconto personale, nessuna autopromozione, ma soltanto lavoro e sacrifici anche economici.”

            Spirito di servizio e sacrificio a favore della cittadinanza sono meriti che le vanno riconosciuti indiscutibilmente. Deve comunque tener presente che sono molti anzi moltissimi a fare sacrifici gratuiti per il paese dai “mast e fest e San Giuan “ a mia figlia più piccola quando deve rinunciare a qualche ora di gioco per preparare la recita/poesia di Natale da fare/dire in chiesa pertanto ricordando il grande Troisi non si faccia prendere dal “vittimismo/abbattimento meridionalista”

            “uno strumento di conoscenza per i tanti nostri concittadini che vivono fuori.”

            Sicuramente chi sta fuori si sente un po’ meno solo tenendosi informato sulle vicende del paese.

            In ogni nostro articolo ci sforziamo di essere chiari e precisi evitando personalizzazioni e strumentalizzazioni. Un lavoro quotidiano che ci impegna intellettualmete e fisicamente (e di cui potremmo anche fare a meno) da cui traiamo un unico compenso, la soddisfazione e la gratitudine di chi ci legge e la tranquilla coscienza di aver fatto le cose con scrupolo e imparzialità. Per noi sono valori molto importanti.

            Lo sforzo intellettuale e fisico c’è e si nota dagli aggiornamenti quasi quotidiani. Strumentalizzazioni e personalizzazioni non sempre si è riusciti ad evitarle ma non gliene faccio una colpa perché per tutti è impossibile essere equidistanti nelle diatribe locali.

            Ci dispiace invece per quelli, per fortuna pochissimi, che pensano di questo sito tutto il male possibile. Ogni opinione è legittima e la rispettiamo e se dovessero mandarcela per iscritto non esiteremmo a pubblicarla. Non ce la prendiamo neppure quando il nostro prodotto è definito, con vera eleganza, “na schifezza ’e sito” o “sito appizzuttato”, o "sito comunista" (che oggi è il massimo dell’ingiuria secondo i parametri in voga a Roma), o "sito ’e Peppe ’o russo", con evidente malafede oltre che ignoranza.

            Schifezza e sito? NO! Sito appizzutato? NO! Sito comunista? NO! Sito e Peppe o russo ? NI!

            Buona parte di quella gente non sa, non ha letto, ascolta soltanto la tiritera del capo. Se quella gente avesse la possibilità di andare alla fonte si accorgerebbe che il politico, per questioni sue, non aveva colto né lo spirito né la lettera di quanto era stato scritto.

            La gente sa, legge e non ascolta solo la tiritera del capo soltanto che noi spesso siamo bravi a cercare ciò che ci separa ma non ciò che ci unisce.Qui siamo lontani dagli insegnamenti di Karol Wojtila (“Ponti non muri”).

            L’homo politicus tiene in modo abnorme alla propria immagine e diffida di chiunque possa metterlo in ombra. E’ difficile trovare un politico che non reagisca male a un articolo non favorevole. E questo vale a 360 gradi.

            Vale a livello nazionale ma a livello locale spesso si cerca di colpire/provocare non solo l’uomo politico ma anche la persona umana in quanto tale.Stupidamente a volte si tirano in ballo i familiari perché si è coscienti che quello è l’affetto massimo per il quale tutti darebbero anche la vita e per il quale tutti hanno una reazione anche se non sempre consona al vivere civile

            Possiamo solo promettere di impegnarci ancora di più e meglio per rendere un servizio quanto più decoroso possibile e non ci lasceremo trascinare in polemiche assurde né tantomeno ci faremo intimidire

            Credo che effettivamente s’impegnerà sempre piu’ per rendere migliore il servizio. Posso solo suggerirle di aprire una rubrica intitolata CONTROCORRENTE dove ci sia sempre qualcuno pronto a fare il “bastian contrario” oppure ogni tanto di aggiungere a qualche articolo un intervista bifronte (PERCHE’ SI? – PERCHE’ NO?) a qualcuno disponibile ad “esporsi” (le domande e risposte possono essere raccolte anche via mail).

            Voto complessivo: 7,5

            Rispondere al messaggio

            • "Non condivido la tua idea ma lotterò affinchè tu possa esprimerla"!| Il saggio Voltaire esprime bene lo spirito che muove la redazione di grazzaniseonline tanto da non venir meno neanche dinanzi a commenti a dir poco fuori luogo. La conquista della democrazia, in alcuni casi, fa pagare cari prezzi, così come aver raggiunto il voto per tutti...grande traguardo ma a volte pericolosa arma a doppio taglio: il voto della pagnotta oggi vale quanto il voto di chi vuole lavorare per migliorare la cosa pubblica. Auguro a grazzaniseonline di continuare per la sua strada non venendo mai meno al ruolo di pubblico servizio che col tempo ha avuto la capacità di costruirsi!

              Rispondere al messaggio


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout