Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Cronaca > Questione multe: consegnate le firme al Prefetto di Caserta

Questione multe: consegnate le firme al Prefetto di Caserta

In preparazione un convegno sulla questione autovelox

martedì 12 febbraio 2008, di redazione


Grazzanise - Sabato primo Marzo, alle ore 16, avrà luogo un importante convegno organizzato dall’Associazione Culturale Tre Grazie. Oggetto: codice della strada, viabilità, autovelox.
E’ il clou dell’iniziativa che l’Associazione ha intrapreso facendosi interprete del malcontento di una gran parte di cittadini che si lamentano per il flagello delle multe per violazione dell’art. 142 del cds.
La nostra arteria principale, la SP 333, nel tratto Cancello Arnone – Capua (circa 16 km) è interessata da quattro apparecchi di tipo autovelox e altri due sono in preparazione.
Nei giorni scorsi ci siamo già interessati del problema così come hanno fatto organi di stampa locali. Gli automobilisti sono disperati. La tre Grazie ha promosso una raccolta di firme per una petizione da rivolgere al Prefetto di Caserta per l’adeguamento dei limiti di velocità e la verifica tecnico-amministrativa delle apparecchiature autovelox.
L’iniziativa ha riscosso un grande successo. In una sola mattinata sono state raccolte circa 1000 firme, per la precisione 960.
Questo la dice lunga sul malcontento della gente e si può stare sicuri che il convegno in preparazione, a cui prenderanno parte persone qualificate, non sarà per pochi.

Ecco il testo della petizione rivolta al Prefetto

"Associazione Culturale Tre Grazie

prot . 14/08

A Sua Ecc. Il Sig. Prefetto di Caserta

Oggetto: Petizione popolare con richiesta di adeguamento dei limiti di velocità sulle strade extraurbane.

Premesso

• che si va sempre più diffondendo l’uso da parte delle polizie municipali di apparecchiature elettroniche per il controllo della velocità sulle strade della nostra regione e in particolare della nostra provincia;
• che l’uso indiscriminato di tali apparecchiature sta provocando l’emissione di migliaia di multe per infrazione all’art. 142 del cds;
• che questo fenomeno va a colpire prevalentemente coloro i quali sono costretti per motivi di lavoro a percorrere determinate strade;
• che l’entità del fenomeno stesso è tale da configurarsi come una vera e propria emergenza sociale;
• che nell’immaginario collettivo non è la prevenzione degli incidenti la prima preoccupazione delle Amministrazioni Locali quanto piuttosto la necessità di ‘far cassa’, atteso che gli EE.LL. spesso si disinteressano della regolamentazione del traffico all’interno del perimetro urbano;
• che le strade della provincia sono spesso costellate di segnali di velocità lasciati per incuria da cantieri di lavoro dismessi;
• che comunque alcuni limiti appaiono anacronistici e datati in quanto risalgono a un’epoca in cui le vetture avevano delle performance di gran lunga superate;
• che le macchine attuali non agevolano la tenuta di basse velocità, tant’è che si sta valutando l’opportunità di introdurre nei motori dei meccanismi adatti allo scopo;

Considerato

• che su alcuni tratti di strada non si ravvisa la necessità di limiti di velocità così irrisori;
• che quasi sempre le apparecchiature autovelox sono gestite da società private che nulla avrebbero a che fare con mansioni proprie delle forze di polizia e alle quali in ogni caso va la parte più cospicua dei ricavi;

constatato

• che gli EE. LL. non reinvestono nella sicurezza le somme introitate;
• che l’installazione dei già citati apparecchi non è sempre surrogata dalla decisione degli organi amministrativi e politici preposti, stante l’assoluta assenza di dichiarazioni in merito sui verbali di violazione del codice della strada;

questa Associazione Culturale,

facendosi interprete del malcontento di tanti cittadini, spesso in disagiate condizioni economiche, che vedono nell’uso abnorme non riscontrato in altre parti d’Italia, di apparecchi autovelox senza la presenza di agenti di polizia, delocalizzati rispetto ai centri urbani e mimetizzati nella vegetazione, solo uno strumento vessatorio per niente collegato alla sicurezza pubblica

chiede a V. E.

1. di voler esaminare la possibilità di una revisione e di un adeguamento dei limiti di velocità sulle strade extraurbane della provincia, in particolare sulla SP 333 da Castel Volturno a Capua, sulla strada Capua - S. Andrea del Pizzone e sulla strada Cancello Arnone-Villa Literno;
2. di voler disporre la rimozione degli apparecchi autovelox non a norma dal punto di vista tecnico e amministrativo;
3. di voler disporre la verifica della corretta scansione temporale dei segnali luminosi dei semafori collegati ai citati apparecchi di rilevazione della velocità.

L’associazione Culturale Tre Grazie è lieta di presentare all’attenzione di V. E. l’accluso elenco di n° 960 firme di cittadini a sostegno della presente petizione.
Nel contempo ringrazia per l’attenzione che vorrà dedicare alla presente e si pregia di augurarLe buon lavoro.
In fiduciosa attesa di un cortese riscontro, saluta distintamente

Il Coordinatore dell’ACTG"

FT

Rispondere all'articolo

 

11 Messaggi del forum

  • Spett.le Associazione culturale Tre Grazie ho preso visione della Vs petizione da rivolgere al Prefetto di Caserta per l’adeguamento dei limiti di velocità sulla SP 333 e per l’uso improprio degli autovelox ivi installati e mi associo molto volentieri alla Vs iniziativa. Sono un cittadino di Vitulazio e ogni mattina per recarmi sul posto di lavoro (Licola) devo percorrere la suddetta provinciale. Volendo arrivare in orario in ufficio dovrei partire da casa in un orario assurdo (le 04.00 circa) volendo rispettare gli altrettando assurdi limiti di velocità. Pochi giorni fa mi è stata recapitata una raccomandata dalla polizia municipale di Cancello ed Arnone dove mi si contestava la violazione del c.d.s. art. 142 c.8, rilevata dal TRAFFIPHOT III, (situato alla fine della discesa di un ponte) (limite 50 - velocità 83). Per i motivi menzionati nella petizione Vi chiedo se esiste un motivo valido per presentare ricorso al G.d.P. relativo al sopracitato autovelox. Vi ringrazio e Vi auguro un buon lavoro. Eugenio

    Rispondere al messaggio

  • Salve ho appena letto l’articolo e sarei interessato a sapere cosa è successo il 1 Marzo. Distinti Saluti

    Rispondere al messaggio

    • In home page c’è il resoconto dell’incontro. L’Associazione Tre Grazie provvederà nelle prossime ore ad informare il Prefetto, i sindaci e chiunque abbia responsabilità rispetto al problema delle risultanze del convegno.

      Rispondere al messaggio

      • La ringrazio della delucidazione e volevo porle 2 domande:

        1)Sa come mai sulla strada SP 333 in località Cancello ed Arnone l’Autovelox è stato per alcuni giorni ricoperto con una busta nera e successivamente smontato?

        2)Non riesco a capire la parte di testo preso dal reseconto dell’incontro (Si, ma ci sono dei punti inoppugnabili, si ribatte dalla platea: a) la legge impone la gestione diretta degli apparecchi da parte delle forze di polizia; b) I vigili non possono elevare contravvenzioni in territorio non di competenza, in altri termini non su una strada provinciale extraurbana.). Quello che non capisco è se i vigili non possono operare su strade provinciali, significa che le multe effettuate sono tutte non buone? giusto? Resto in attesa di sue risposte, nel frattempo la saluto. Distinti Saluti

        Rispondere al messaggio

        • Egregio Anonimo, mi par di capire che lei cerchi delle basi per un eventuale ricorso. Non so risponderle sulla prima questione e per il resto non traggo conclusioni, che potrebbero essere non veritiere, da interventi fatti durante il convegno. Sono state espresse delle opinioni e come tali non fanno testo (anche gli interventi dei relatori, pur essendo persone investite di una funzione, rimangono opinioni). Sulla questione dei vigili, anzi, ci sono sentenze completamente contrastanti. Perciò nulla si può dare per oro colato. Spetta al giudice, secondo ‘scienza e coscienza’, dirimere le eventuali controversie. E’ il punto a) della sua domanda sul quale si potrebbe avere la ragionevole possibilità di spuntarla. Da parte nostra non possiamo far altro che tener viva l’attenzione dei cittadini e delle autorità su questo fenomeno che ‘personalmente’ consideriamo un abuso e che sempre personalmente andrebbe eradicato del tutto, almeno sulle extraurbane. Con ciò chiudo lasciando lo spazio ad eventuali altri interventi. frates

          Rispondere al messaggio

  • spett. Ass. Culturale 3 Grazie, interessato al problema per una multa ricevuta dal comando di polizia municipale del comune di Bellona,in data 24/04/2009 sulla S.P. 333 al Km30+500 direzione Capua; limite 50Km sorpreso a100Km/h;vi chiedo cortesemente se in quel punto esiste qualcosa(lavori in corso,curve pericolose ,o solo un cartello da far ridurre la velocità per spillare danaro; io francamente non mi sono accorto di nulla,inoltre considero la mia guida "tranquilla". vorrei sapere se ho qualche punto su cui fare ricorso. grazie,aspetto fiducioso. Antonio email:spinchi@inwind.it

    Rispondere al messaggio


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout