Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Attualità > Comunicato delle OO. SS. sulla vertenza dei lavoratori del Consorzio Unico (...)

Comunicato delle OO. SS. sulla vertenza dei lavoratori del Consorzio Unico di Bacino

venerdì 12 marzo 2010, di redazione


A seguito delle proteste in atto dei lavoratori del Consorzio Unico di Bacino delle Province di Napoli e Caserta, si è tenuta, presso la Prefettura di Caserta, una riunione, preseduta dal Prefetto vicario dott. Provolo, cui hanno partecipato le scriventi OO.SS., gli amministratori delle Società provinciali SapNa e Gisec, che dovranno gestire e programmare il ciclo integrato dei rifiuti nelle rispettive province di Napoli e Caserta, il Commissario Liquidatore del Consorzio Unico Ce/Na, accompagnato dal Direttore Generale e dal Responsabile dell’articolazione di Caserta.
L’incontro ha evidenziato la complessità della vertenza che basa su più binari cui spicca la mancanza di liquidità utile al pagamento delle spettanze ai lavoratori. In particolare, il Commissario liquidatore ha illustrato l’insufficienza delle risorse disponibili nelle casse cui, dopo la conversione in legge del Decreto per la cessazione dell’emergenza rifiuti in Campania, è l’unico a poter disporne.
La nota dolente emersa dalla riunione è la volontà generale a preservarsi dentro il perimetro della normativa, per evitare responsabilità personali, che a questo punto cozza con la possibilità reale di poter pagare gli stipendi senza abbinare contestualmente il pagamento dell’Irpef e della quota previdenziale, che farebbe venir meno la correttezza tributaria e contributiva.
L’aspetto paradossale, sollevato dalle OO.SS., ma trattato, ancora una volta, nonostante la normativa, in modo sterile dal tavolo Prefettizio, è stato il grande debito delle Amministrazioni Comunali verso il Consorzio che oramai supera abbondantemente i centoquarantamilioni di euro. È chiaro che poche aziende sarebbero capaci di tenere passo di fronte alla sottrazione di tanta liquidità, figuriamoci il Consorzio che si trascina dentro logiche di controllo e gestione politica.
È proprio la politica, la grossa delusione dei lavoratori, il dover assistere all’indifferenza generale, quasi una presa di distanza o allergia, quando, questa, è iper-presente a segnalare: nomine, consulenze, affidamenti, incarichi, assunzioni, arbitrati, conciliazioni, ecc. ecc., salvo defilarsi quando la cassa piange, anche per loro responsabilità data la distrazione della Tarsu verso altri capitoli di spesa. Per non parlare della Regione Campania, totalmente inesistente a sostenere la problematica, nonostante sia la vera patronessa della costituzione dei Consorzi, di cui, come Ponzio Pilato, si è lavata le mani.
Pertanto, preso atto dell’impossibilità di una soluzione, attesa l’assenza di profilassi e la certificata carenza di sicurezza, senza clima di collaborazione dei lavoratori, che operano con grave rischio per la propria salute, si è deciso di continuare la protesta nei modi ritenuti più appropriati.
Aspettando la nuova riunione del 12 Marzo, presso la Provincia di Napoli, si chiede di risolvere, nell’immediato, l’erogazione degli stipendi, ma soprattutto di aprire un tavolo seriamente intenzionato a risolvere definitivamente la spinosa questione del passaggio alle società provinciali.
Nelle more, un vero piano di sostenibilità economica, dentro un quadro di certezze occupazionali, con investimenti tesi a rendere servizi efficienti, con moderni mezzi strumentali, contestualmente al contenimento dei costi con un progetto di riconversione del personale, internalizzando servizi oggi in appalto e soprattutto prevedendo la sicurezza di incassare i canoni del servizio di raccolta rifiuti.

Le segreterie provinciali di Caserta

FP CGIL di Caserta:
Segr. prov. Raffaele Maietta

Fit-Cisl:
Giuseppe Gravino

UILTrasporti:
Gianfranco Spanò

Fiadel:
G.R. Testore

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout