Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Attualità > Legalità è Economia Sociale

Legalità è Economia Sociale

Questo pomeriggio il seminario di Res sui beni confiscati

venerdì 10 ottobre 2014


CASERTA - Legalità è Economia Sociale. E’ questo il titolo del seminario info-formativo del progetto “La Res – Rete di Economia Sociale ”, sostenuto da Fondazione con il Sud che si è tenuto oggi alle ore 16, presso la sala conferenze della Camera di Commercio di Caserta. L’incontro è servito per spiegare agli imprenditori e a vari portatori di interessi casertani il modello di sviluppo locale, che parte dal rendere produttivi i patrimoni confiscati alle mafie ed in particolare lo strumento del contratto di rete.

«Il contratto di rete – hanno spiegato i promotori dell’iniziativa - è un po’ il fiore all’occhiello del Progetto. Si tratta di uno strumento innovativo, fatto proprio e sottoscritto da 11 organizzazioni casertane che mettono al centro degli interessi un obiettivo comune di sviluppo che richiama ai propri compiti Pubblica Amministrazione e mondo produttivo. L’innovazione sta nel fatto che lo strumento nasce dal basso e sperimenta un nuovo modo di fare sviluppo locale partendo dall’economia sociale. Seppur nel rispetto della propria mission, imprese del mondo for profit e non profit cooperano e si mettono insieme non per incrementare i propri profitti ma per favorire percorsi di reinserimento lavorativo di soggetti svantaggiati ed il riscatto del territorio dal giogo criminale facendo "vivere" i beni confiscati». «Il percorso – hanno proseguito gli organizzatori – mette intorno ad un tavolo gli imprenditori lasciandoli indipendenti per quanto riguarda le loro scelte commerciali ed assetti organizzativi, ma li fa convergere verso l’obiettivo comune di uno sviluppo locale. Uno sviluppo che passa anche attraverso la promozione di un incubatore d’impresa volto a favorire la nascita di start-up che operano sui beni confiscati alla camorra».

Al seminario oltre a Gianni Solino e Valerio Taglione, rispettivamente responsabile e coordinatore dell’ente capofila del progetto, erano presenti, tra gli altri, Giuliano Ciano presidente del consorzio NCO-Nuova Cooperazione Organizzata e Davide Pati dell’Associazione Libera. Ad aprire il seminario è stato il presidente della Camera di Commercio, Tommaso De Simone, mentre le conclusioni sono state affidate al Prefetto di Caserta, Carmela Pagano.

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout