Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > PD: Raimondo replica alla minoranza interna

PD: Raimondo replica alla minoranza interna

domenica 7 aprile 2013, di redazione


Grazzanise - La pubblicazione di un resoconto politico su un giornale locale inerente le vicende interne al circolo del Partito Democratico in cui si riportavano le posizioni fortemente polemiche di alcuni rappresentanti della corrente “Democratici Davvero” (Giovanni Abbate e Teresa Cerchiello) ha suscitato la reazione di Pasquale Raimondo, componente del direttivo, e considerato esponente di punta della maggioranza.
Secondo l’articolista i Democratici Davvero, che hanno nell’avv. Paolo Parente l’esponente di riferimento, mettono in discussione la conduzione del circolo da parte di Gerardo Rullo, Coordinatore ff, in quanto sarebbe stato votato in una assemblea di appena dieci iscritti. Inoltre viene contestato il fatto che il direttivo sia rimasto in carica nonostante le dimissioni di Roberto Parente da Coordinatore, col fine di insediare nell’incarico proprio Pasquale Raimondo.
L’interessato risponde puntualmente ai rilievi mossi, ad iniziare dalla scelta del nuovo Coordinatore: “Le affermazioni dei due esponenti di Democratici Davvero sono alquanto bizzarre visto che di forzature se ne intendono un po’ tuttì… In primis l’amore per il partito. Perciò, se il motivo della mancata unitarietà risiede nella necessità di trovare una figura alternativa, posso dire che abbiamo la possibilità di scegliere tra altri giovani che si sono dichiarati disponibili”.
Raimondo va oltre e attacca a proposito della validità degli adempimenti a cui si riferiscono Abbate e Cerchiello: “Per quanto concerne la validità dell’assemblea gli amici in questione non hanno rilasciato, come al solito, nessuna dichiarazione a verbale e dovrebbero comunque sapere che le assemblee in seconda convocazione sono valide col numero dei presenti. E’ falsa la dichiarazione secondo la quale Rullo doveva costituire un direttivo che comprendesse tutte le anime e poi dimettersi. Si perché nel verbale (i Democratici Davvero erano presenti) è scritto “ l’assemblea all’unanimità chiede al vicecoordinatore di assumere l’incarico di coordinatore ff insieme al direttivo attualmente in carica”. Perciò è infondata la dichiarazione in base alla quale le altre aree non hanno avuto voce. Ma dov’è scritta questa cosa?”.
I contrasti , o perlomeno le differenti valutazioni, tra le diverse componenti del circolo ‘N. Iotti’, permangono, dunque, nonostante i tentativi, peraltro timidi, di composizione. Ma Raimondo non chiude la porta al dialogo: “In conclusione invito gli amici sempre al confronto ma a patto che si parli di politica e non di fantascienza”.

Staremo a vedere se la politica non si lascia schiacciare dalle beghe personali.

frates

 

18 Messaggi del forum

  • Al Signor Pasquale Raimondo che replica ad un articolo apparso non so su quale organo di stampa non varrebbe nemmeno la pena di replicare,ma e’ bene precisare che ne il sottoscritto, ne Teresa Cerchiello,. ne l’avvocato Parente hanno rilasciato dichiarazioni,ultimamente ad alcuno organo di stampa. Per quanto riguarda l’amore per il Partito e’ berne precisare che il sottoscritto, come altri hanno fatto parte dello stesso dalla sua fondazione seguendo il percorso dei rispettivi partiti di provenienza nei quali erano regolarmente tesserati, e con lo stesso e in nome dello stesso hanno partecipato alle scorse amministrative appoggiando e sostenendo la civica Nuovi Orizzonti (dove era il tesserato,dal 2011, Raimondo?) e i candidati alle Regionali e alle Provinciali. Al signor Raimondo ricordo che non c’e’ stata alcuna prima e seconda convocazione di alcuna assemblea convocata dal Presidente del locale Circolo. Il futuro del Partito verra’ deciso dalle e nelle sedi opportune. Bene l’impegno di nuovi giovani, ma vorremmo conoscerli, dato che le ultime assemblee, sembravano al massimo riunioni di famiglia.
  • Tengo a precisare che non ho rilasciato alcuna dichiarazione ad alcun organo di informazione riguardante la situazione politica della sezione del circolo territoriale del PD, per cui mi chiedo di quale fantascienza il signor Raimondo parla.

    L’unica cosa di fantascientifico a cui ho assistito da quando l’ho conosciuto e stato il continuo chiamarmi per chiedermi di far alcune tessere una volta che il tesseramento era chiuso. Fantascienza o imbroglio?

    Oppure le aggressioni verbali che ho subito sia telefonicamente che di persona da parte del coordinatore facente funzione ogni volta che ho chiesto di effettuare una riunione in sezione.

    L’amore per il Partito invece il sig. Raimondo lo ha mostrato soprattutto in campagna elettorale cercando di boicottare l’iniziativa organizzata a Brezza con l’onorevole Picierno, o il comizio in piazza con alcuni candidati.

    Inoltre ricordo al signor Raimondo che il luogo adatto per parlare della situazione della sezione è appunto la stessa sezione, alla presenza delle persone interessate e parlando in modo chiaro. Lo invito a farsi un esame di coscienza.

    Teresa Cerchiello

    • DI PASQUALE RAIMONDO

      INVITO LA SIG.RA CERCHIELLO A NON FARE ACCUSE FALSE ED INFONDATE MA SOPRATUTTO A RIMANERE NEL RECINTO DELLA POLITICA . DI IMBROGLI CON ME NON NE PARLI!!! PER QUANTO CONCERNE LE TESSERE DOVREBBE RICORDARE CHE ERA LEI A CHIEDERE ULTERIORE TESSERE OLTRE IL TERMINE PREVISTO ADDUCENDO COME MOTIVAZIONE LA SCARSA PUBBLICITA’ ( ANCHE SE LE SFUGGIVA LA PRESENZA DI UNA NOSTRA BACHECA A BREZZA.....) DA QUI IL MIO INVITO TELEFONICO ( SU SOLLECITAZIONE DELLA SEGRETERIA PROVINCIALE) A FAR ISCRIVERE LE PERSONE CHE A SUO DIRE NON AVEVANO LETTO IL MANIFESTO PER IL TESSERAMENTO (PERSONE CHE POI SONO SPARITI ALL’IMPROVVISO VISTO CHE NON’E VENUTO NESSUNO!) DA DOVE NASCE PERTANTO LA SUA AFFERMAZIONE? E SOPRATUTTO MA CHI LE HA MAI CHIESTO NIENTE? LE RICORDO CHE FORSE LEI HA PARTECIPATO A 3/4 RIUNIONI DI CIRCOLO E NE TANTOMENO AVEVAMO UN’AMICIAZIA PREGRESSA. PER AIUTARLA A RICORDARE MI PERMETTO DI ALLEGARE IL TESTO DELL’EMAIL DA LEI INVIATA ALLA SEGRETERIA PROVINCIALE E GIRATA AL CIRCOLO.

      ----Messaggio originale---- Da: partitodemocratico.caserta@gmail.com Data: 22-gen-2013 17.40 A: <pdgrazzanise1@libero.it> Ogg: Fwd: Tesseramento 2012 Grazzanise

      La sottoscritta Teresa Cerchiello, nata a ***** il ******, residente a Brezza (frazione del Comune di Grazzanise), tesserata al Partito Democratico dal 2011, comunica al Segretario Provinciale Dott Ludovico Feole, che non essendo stata data adeguata comunicazione nelle frazioni di Brezza e Borgo Appio del Comune di Grazzanise per il tesseramento 2012, ed essendo l’unica tesserata e militante della frazione Brezza, che provvederà a prendere adesioni corredate di autocertificazione di delega e copia documento e si recherà presso la federazione per iscrivere i propri concittadini.

      • Appunto il tesseramento era chiuso e da regolamento ulteriori tessere potevano essere fatte solo presso la federazione, ma poi il responsabile del tesseramento e’ il coordinatore del Circolo e non il signor Raimondo che autorita’ si arroga? Mah........
        • Mi perdoni ma c’è qualche cosa che non capisco. Lei ha scritto " da regolamento ulteriori tessere potevano essere fatte solo presso la federazione". Mi potrebbe indicare l’articolo del regolamento?

          Scrive però nell’email inviata alla Segr. prov. " che provvederà a prendere adesioni corredate di autocertificazione di delega e copia documento e si recherà presso la federazione per iscrivere i propri concittadini".

          Insomma si potevano fare solo a caserta Si o No? e se si perchè Lei si arroga il diritto di raccogliere adesioni?

          PS: Mi ripeto: io ho agito su indicazioni del Segretario provinciale e del nostro coordinatore e comunque facevo parte dell’ufficio adesioni (art 8 reg. tess. 2012)

          Pasquale RAIMONDO

          • Elei come mai ha una email inviata alla federazione provinciale e da questa girata al circolo o al coordinatore? Lei è un semplice tesserato come tutti. La ringraziamo cosi dalle sue affermazioni sappiamo che oltre che far tessere in sede bastava telefonarla e tesserarsi...La gente può prendere atto del modo di agire.
            • Capisco il suo nervosismo difronte ai fatti ma ciò non l’autorizza a prende delle licenze che non le spettano ( a contrario mio) e sopratutto, come detto anche ieri, non le consento di lasciar intendere strane cose.... Le sue domande hanno avuto già molte volte risposte e considerato che lei si ostina a dire il contrario, mi trovo costretto ad abbandonare la discussione. PS: se vuole posso pubblicare il verbale (che dovrebbe conoscere) rigurdante il direttivo e del quale, sottolineo, faccio parte. Per quanto concerne la sua posizione non è venuta a conoscenza della riunione semplicemente perchè non è membro del direttivo. Saluti Pasquale RAIMONDO
          • Ufficio adesioni eletto da quale assemblea o da quale direttivo dato che non vi è stata alcuna convocazione?
  • Ma chi ha parlato pensa di essere Berlinguer? Dall’alto dei miei anni é la prima volta che vedo una ragazza attiva a far politica in un partito e soprattutto lontano dalle elezioni. Invece di valorizzarle le persone vengono denigrate. Pasquale Raimondo é famiglia hanno appoggiato la lista la Svolta alle scorse amministrative,chiedendo di votare a chi per Di Fruscia e a chi per Massaro, e posso testimoniarlo perspnalmente.Alle `rovinciali hanno boicottato il candidato PD Antonio Papa ma di che amore per il partito parla? Dopo la scelta dei candidati a gennaio criticava, l’operato di Palladino,Tessitore,Rullo,giudicandoli anche sul piano personale.Ma chi parla,a Grazzanise mancva un’altra persona a caccia di incarichi. La politica é passione. Enzo Petrella
  • PD: Raimondo replica alla minoranza interna

    8 aprile 2013 15:19, di batik
    il pd a grazzanise era alla frutta.....da quel che leggo......mi viene da ridere solo.....nessun commento è possibile...
  • PD: Raimondo replica alla minoranza interna

    8 aprile 2013 23:47, di Parente Cosimo Roberto
    Nel corso del mio vissuto, fortunatamente, sempre nel mio amato paese (Grazzanise) ho cercato di capire e di comprendere i motivi per cui Grazzanise rimaneva ed é rimasto sempre fuori dalle molteplici opportunità e dalle logiche politiche che avrebbero, in qualche modo, agevolato un suo progresso sociale, culturale ed economico; nonostante in passato, in occasione di iniziative atte a smuovere le coscienze per la conquista di diritti collettivi, mi sia ritrovato sempre da solo a sottoscrivere denunce, abbandonato da coloro che oggi pretendono di trovare ancora una opportuna visibilità politica, ho continuato a credere in alcuni valori per me fondamentali: onestà (anche quella intellettuale), coerenza, rispetto per gli altri, lealtà e trasparenza. Io non voglio avere la pretesa di giudicare, ma certamente ciò che hanno prodotto le mie dimissioni da coordinatore del Circolo del PD di Grazzanise, dà la piu’ ampia spiegazione e senso del perché, forse, il nostro paese ha poca considerazione nelle sedi che contano: l’unico sentimento comune che emerge dalla diatriba é la volontà di dividere, di prevaricare, di demolire anche a dispetto delle piu’ elementari norme di democrazia, non accorgendosi, o volutamente tralasciando,quella volontà di cambiamento che ci circonda, di cui ogni pseudopolitico dovrebbe tener conto, invece questi dimostrano di essere legati ed ancorati saldamente alle logiche di qualche apparato di partito. Invece sarebbe stato auspicabile che il confronto avvenisse innanzitutto nelle sedi opportune, e sulle iniziative da intraprendere e che ognuno desse il proprio contributo in maniera spassionata e con uno spirito di innovazione che, serenamente, non va ricercato nello scontro sollecitato sempre dagli stessi attori, ma va ricercato su temi e proposte in un confronto democratico e trasparente nell’esclusivo interesse del partito e dei nostri concittadini. Mi dispiace , mi ero proposto che dopo le mie dimissioni, non sarei intervenuto pubblicamente nella vita di partito, ma é stato penoso vedere lo scadimento del confronto su questo portale, il punto irrispettoso cui é giunta la diatriba tanto da indurmi a suggerire all’amico Pasquale Raimondo a non tenere conto assolutamente di critiche esternate da coloro che dimostrano ed hanno dimostrato di non avere a cuore né il partito né i veri problemi di Grazzanise Cosimo Roberto Parente
    • Roberto, come affermato precedentemente non permetto di mettere in dubbio l’amore partito che ognuno di noi nutre, ed elemento di non amore non puo’ essere la critica al “tuo”amico Pasquale Raimondo. Negli ultimi anni il PD locale e’ stato vittima dell’immobilismo della classe dirigente locale e della superficialita’ con la quale sono stati affrontati i problemi. Mi dici da segretario quale apporto la sezione ha apportato all’azione dell’avvocato Paolo Parente consigliere comunale di Nuovi Orizzonti tesserato dal 2008 al Partito Democratico e dirigente provinciale dello stesso? Oppure al di fuori della presenza in consiglio regionale sulla discussione dell’aereoporto quali sono le azioni intraprese per la tutela del nostro territorio? In ultimo, quando i bambini delle scuole dell’infanzia grazzanisane, quindi bambini dai tre ai sei anni, son rimasti senza mensa,dall’inizio dell’anno scolastico 2013/2014, causa ritardate procedure(?) quale intervento e’ stato fatto verso chi gestiva, in via provvisoria la macchina comunale? Quale e’ stata la progettualita’ politica per il nostro Paese?Nessun intervento concreto per un’area mercato,tra l’altro prevista per legge, nessuna azione concreta per la realizzazione di uno spazio verde per giovani e anziani, abbandono totale di azione politica delle frazioni Borgo Appio e Brezza, nessun intervento per l’innovazione tecnologica e per la cultura e niente di niente per la tutela dell’ambiente a partire dalla diffusione delle energie rinnovabili,almeno per gli edifici pubblici (con conseguente risparmio anche per i cittadini), nessun intervento per l’ammodernamento degli edifici scolastici. Forse facevi meglio a tacere. Nessuno ,se alludi a qualcuno,cerca un’opportuna visibilita’ politica perche’ dalla politica non ci ha mai guadagnato nulla e non ha mai ottenuto niente in cambio, cosi come non e’mai sceso a compromessi per tornaconti personali. E nessuno ha lasciato solo nella gestione del Partito, forse hai deciso di star solo con la” commissione dei saggi”e quello che ha lasciato in eredita’(denunce di cui parli?) e’ sotto gli occhi di tutti Mi dispiace!!!!!! Amore per il proprio paese e per il proprio partito non significa mettere la testa sotto la sabbia. Giovanni Abbate
      • PD: Raimondo replica alla minoranza interna 11 aprile 2013 10:14, di Enzo Petrella
        IL GURU Abbate avrà pure il “sangue agli occhi” ma è maestro. E’ mai possibile che nessuno si sia accorto che un guru è uno che sa, conosce e capisce.
    • Il Corriere di Caserta,la Gazzetta di Caserta, questo organo di informazione nei giorni successivi alle dimissioni di Roberto Parente riportavano la notizia che le stesse sono avvenute per motivi personali. Visto lo scritto del signor Roberto Parente per onesta’ intellettuale dovrebbe a questo punto far conoscere quali sono realmente i motivi delle sue dimissioni, altrimenti mentendo ai cittadini non si deve parlare di onesta intellettuale. Ad oggi la tesi delle dimissioni personali ha scricchiolato definitivamente dando forza alla tesi che ci e’ stato tradimento da parte di chi lo ha sostenuto, con conseguenti stracci volati e giudizi poco lusinghieri da chi le e’ rimasto accanto verso altre persone.
      • Viene quasi da ridere se la situazione non fosse tragica. Ma non si capisce che c’è la longa mano di Peppe Raimondo? E’ Facile gestire alcune persone per il proprio tornaconto in termini politici e di voti. Vorrei vedere alle prossime amministrative il gruppo che fa capo a Pasquale Raimondo con chi e se si schiererà: Nuovi orizzonti dovrà essere composta da 10 membri piu’ il capolista; 5 già sono in campo, a questi vanno aggiunti tre donne(minimo), bisognerà coprire bene le frazioni, non credo che si schiereranno con NO dato che si voterà con la doppia preferenza e in caso di vittoria non ha alcuna chance di essere eletto, tranne per qualche mancata candidatura di peppe raimondo quando i giochi son fatti.Risulta che siano tutte tessere di famiglia e qualcuno dei tesserati partecipa attivamente alla compaggine di senso civico, che valore hanno questi tesserati? Ma davvero Raimondo vuol prendere in giro le persone e quei 400 voti del PD che di certo non hanno votato quella lista alle politiche ne per lui, ne per l’avv Pasrente,ne per Abbate ne per nessuno.Tutti son bravi a comprare e fare tessere e fare un partito familiare. PS. Giovanni Abbate un consiglio, non tener il sangue agli occhi, tu fai il docente e capisci, qualche altro fa altre mansioni e ragiona in altro modo.Grazzanise è piccolo e tutti.......
  • esiste una ,minoranza interna senza partito. Perpiacere fate ridere,da quello che leggo e sento per il paese la maggioranza sarebbe Raimondo,Palladino,Rullo,Parente gli stessi che alle passate politiche si sono fatti riempire la sala della passerella da Peppe il rosso. Vorrei vederli a trattare del nuovo PUC, dei servizi sociali, degli asili e magari di sindacato. Ottimo che ci sia una minoranza che fa politica disinteressata

    C.Giuseppe


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout