Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Cronaca > Convegno sull’autovelox: M. Petrella contesta P. Parente

Convegno sull’autovelox: M. Petrella contesta P. Parente

domenica 6 aprile 2008, di redazione


Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

"In riferimento all’intervento del portavoce del P. D., avv. Paolo Parente, mi sia consentito non condividere alcune affermazioni: “Sicuramente il dibattito non ha sciolto molti dubbi sulla questione, anche perché era stato costruito solo per questo scopo”. Egregio Avvocato, il dibattito non aveva la presunzione di risolvere il problema, ha avuto però il merito, anzi mi consenta, il grande merito di averlo sollevato, laddove tutti i partiti sono stati latitanti (e per il giovane Partito Democratico affrontarlo poteva essere un ottimo biglietto di presentazione nella realtà locale), invece tutti hanno taciuto.
Poi c’è un’altra Sua affermazione che non condivido: “ … il sottoscritto in sede di dibattito denunciò pubblicamente la illiceità delle installazioni, ma subito il moderatore della serata, ovviamente, mi tolse la parola…”. Non voglio entrare nel merito dei Suoi interventi, alcuni dei quali secondo me poco inerenti al tema della serata che era “ Codice della strada - Viabilità -Autovelox”. Lei invece voleva condurre la discussione solo sugli autovelox con continue interruzioni ai vari relatori, soprattutto al giudice D’Onofrio, come se stesse in un’ aula di tribunale e non a un dibattito pubblico, laddove avevano tutti il diritto di intervenire.
Inoltre ritengo oltremodo offensivo l’espressione “non era quello di far capire ai cittadini cosa stava succedendo, bensì quello di organizzare solo per organizzare”, affermazione assurda e gratuita soprattutto se fatta da un professionista e da un responsabile di un partito democratico. L’A. C. T. G ha dedicato del tempo per raccogliere le firme ed organizzare il dibattito e il tutto, da un punto di vista sociale, è stato positivo visto che se ne continua a parlare, inoltre ha dato il suo piccolo o grande contributo ad aumentare i limiti di velocità da 50 a 70 Km sul tratto Castel Volturno-Capua. È un risultato di poco conto, ma è pur sempre qualcosa; gli altri partiti, compresa la giovane sezione di cui Lei è portavoce, in proposito hanno fatto solo chiacchiere da bar.
Aggiungo che dopo il convegno è stata presentata in data 7 marzo 2008 una relazione alle varie Autorità competenti, relazione che per conoscenza a tutta la cittadinanza, si allega alla presente.
Inoltre siamo stati informati, mediante lettera dalla Prefettura che in data 14/03/08 la petizione popolare, organizzata dall’ A. C. T. G., è stata inviata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Per essere una cosa “organizzata solo per organizzare senza rendere un servizio completo alla cittadinanza” è quantomeno ingeneroso. Inoltre nel Suo intervento invita “ad organizzare sul punto un dibattito forte”, ma perché invece di criticare ed invitare gli altri ad organizzare non organizza Lei? Potrebbe farlo come professionista e come portavoce di un partito prestigioso, quale il Partito Democratico.

Michele Petrella coordinatore dell’ A. C. T. G.

Documenti allegati

 

8 Messaggi del forum

  • Aspettare per Poi = Organizzare per Organizzare

    8 aprile 2008 11:12, di setarf

    ma perché invece di criticare ed invitare gli altri ad organizzare non organizza Lei? Potrebbe farlo come professionista e come portavoce di un partito prestigioso, quale il Partito Democratico.

    Buongiorno, il punto secondo me è che in Grazzanise, che a discapito di quello che si pensi è un paese ATTIVISSIMO (in ogni campo e non solo politicamente), si “aspetta per poi” e non si “organizza per organizzare”. Intendo dire che se si fa un qualcosa è per farla meglio di qualcun altro o per colpire qualcun altro!! Non esiste il senso critico positivo ma solo negativo (oserei dire distruttivo), si parte dal pressupposto della fazione (chi sei, a chi appartieni, a chi "porti"), si parte dal “vediamo che sono stati capace di fare tanto alla fine uscirà tutto in un niente”.

    Il P.D. è nato da poco, e malgrado tutto (e spero di no) a Grazzanise in poco tempo finirà nel calderone delle liste civiche comunali, è quindi destinato a scomparire? Non voglio fare pubblicità a nessuno ne tantomeno attaccare altri, però è stata persa un occasione. E’ stato dimostrato chiaramente la consistenza sul territorio delle idee delle persone della sinistra di Grazzanise. alla fine la questione autovelox è servita ad alcuni per mostrare il prorio chi sono, a chi appartiengo, a chi "porto", ma sopratutto (critica negativa) a chi voglio distruggere. Viva Grazzanise.

    • Sono un militante del PD a Milano,vengo da un percorso politico che va dal PPI di Gerardo Bianco alla Marherita, penso che la linea del Partito sia quella di presentare sempre il proprio simbolo, in quanto anche in questa campagna elettorale si evidenziano le differenze tra noi e gli altri partiti della Sinistra Italiana, e mi creda anche a livello amministrativo di tante città e paesi tali differenze stan venendo fuori. Il PD è un partito nuovo e i dirigenti ad ogni livello hanno tra l’altro il compito di formare e costruire una nuova classe progressista e democratica. Poi se finirà nel calderone delle liste civiche è da vedere in un prossimo futuro, in quanto lo statuto del PD prevede che nei paesi superiori a 5000 abitanti ci sia "almeno" un Circolo o sede territoriale, e quell’almeno non significa uno solo, per cui quel termine può servire da stimolo a chi non vuole il PD in un calderone di liste civiche, ma come partito che si radichi sul territorio e che abbia i propri aggangi a livello "verticistico" per rafforzare la politica nel nostro paese. In fin dei conti per crescere bisogna anche cadere. Giovanni Abbate
      • Aspettare per Poi = Organizzare per Organizzare 8 aprile 2008 15:53, di avvocato paolo parente - portavoce del P.D. di Grazzanise
        Caro Giovanni, sono d’accordo con te, e spero che Tu possa, in un futuro non molto lontano, far parte attivamente della sezione locale del P.D. - Converrai con me, che fare politica in questo Paese e diffcile, ma noi laddove possibile, cercheremo di presentarci alle prossime elezioni amministrative col nostro simbolo di Partito, spezzando così un’anomalia che dura da fin troppo tempo. Cercheremo di essere la forza democratica e progressista che Walter Veltroni sta cercando di seminare, e spero fortemente che anche la locale sez., possa essere seme per un nuovo discorso politico, legato soprattutto ai valori e non alle conquiste di posizioni. Ti ringrazio avv. paolo parente portavoce P.D. sede di Grazzanise -
      • Aspettare per Poi = Organizzare per Organizzare 8 aprile 2008 18:44, di S.A.
        Carissimo Giovanni Abbate, hai dimenticato di scrivere che il tuo percorso politico è ben più lungo.... parte dalle letture di "cuore", giornale satirico di estrema sinistra, la vicinanza a rifondazione, al pds, all’appoggio al ppi di Gargani (oggi parlamentare di F.I.-PDL). Caro Giovanni, forse non c’è niente da vergognarsi, però dilla tutta! S.A.
    • Povero popolo italiano il 13 ed il 14 ti ritroverai come

      Pinocchio al campo dei miracoli:
      - 

      PD & PDL (Il Gatto e la Volpe)
      - 

      Quanta fretta, ma dove corri, dove vai ?

      Se ci ascolti per un momento, capirai,

      lui è il PD, ed io il PDL,

      stiamo in società, di noi ti puoi fidar.

      Puoi parlarci dei tuoi problemi, dei tuoi guai

      i migliori in questo campo siamo noi

      è una ditta specializzata

      fai un contratto e vedrai

      che non ti pentirai...

      Noi scopriamo talenti e non sbagliamo mai

      noi sapremo sfruttare le tue qualità

      dacci solo quattro monete

      e ti iscriviamo al concorso

      per la celebrità...!

      Non vedi che è un vero affare

      non perdere l’occasione

      sennò poi te ne pentirai.

      Non capita tutti i giorni

      di avere due consulenti

      due impresari, che si fanno

      in quattro per te...!

      Avanti non perder tempo firma qua

      è un contratto, è legale, è una formalità

      tu ci cedi tutti i diritti

      e noi faremo di te

      un divo da hit parade !

      Quanta fretta, ma dove corri, dove vai ?

      Che fortuna che hai avuto ad incontrare noi

      lui è il PD ed io PDL

      stiamo in società, di noi ti puoi fidare...

      di noi ti puoi fidar...

      di noi ti puoi fidar...

      - 

      In qualità di pessimo menestrello evito di parlarVi dei

      partitini minori (Socialisti, Bertinotti, UDC, Destra and

      Company) avendo fatto gli stessi la fine di Lucignolo ed i

      suoi compagni cioè si sono trasformati in "ciuchini....
      - 

      paparente

      - P.S. Non disperiamo un giorno verrà la fata Turchina a salvarci....

    • Aspettare per Poi = Organizzare per Organizzare 8 aprile 2008 16:38, di avvocato paolo parente - portavoce del P.D. di Grazzanise
      Caro amico la sua risposta poteva effettivamente assurgere ad ottimo trampolino di lancio per un sereno dibattito sull’attivismo grazzanisano o meglio sul c.d. calderone delle liste civiche da lei ottimamente rappresentato, però sarebbe stato necessario svelare la sua identità, anche per non aver dubbi sull’esito della discussione. Comunque, a prescindere da tale circostanza, Voglio dirle che ha perfettamente ragione, nel senso che davvero a Grazzanise la discussione politica è difficile, perchè ognuno si arrocca nel suo fortino, e in relazione all’appartenenza, spara a zero oppure cerca di parare i colpi. Le assicuro però, che noi del P.D., non faremo questa fine, e ne abbiamo già dato dimostrazione sulla raccolta differenziata, allorquando abbiamo dato pubblicamente atto della bontà dell’operazione fatta dal Sindaco e dall’assessore al ramo, così come ne abbiamo sollecitato l’attuazione quando ancora non partiva. E così valuteremo di volta in volta la bontà dell’operato, cercando però, anche in caso di contrapposizione, di portare una critica sempre costruttiva, tesa comunque al dialogo e non alla contrapposizione esasperata. Quanto poi al calderone delle liste civiche, questa insana abitudine purtroppo, devasta la politica in generale, perchè la gente non si riconosce più nell’idea, bensì nelle persone, ed allora si fanno aggregazioni che molte volte risultano non omogenee. Cercheremo di presentarci alle prossime elezioni Comunali con una nostra lista, una lista che rechi il simbolo del P.D., e laddove questo non dovessse risultare possibile, attesa l’enorme frammentazione politica esistente, cercheremo e propugneremo un aggregazione politica seria, nella quale venga rispettata non solo l’identità del Nostro Partito ma soprattutto venga rispettata la forza delle nostre idee. Per fare questo, abbiamo però bisogno di gente nuova, di persone che abbiano il coraggio di vestire i panni della politica, e di svestire quelli del compromesso ad ogni costo, ed è per questo che noi del P.D., rifiuteremo ogni alleanza non basata su accordi politici, ma fondata su accordi meramente elettorali, che alla lunga si scioglierebbero come neve al sole,com’è successo ultimamente nell’ambito della maggioranza politica dell’Amm.ne Comunale con la fuoriuscita di ben due consiglieri. Auspico che la gente di Grazzanise sappia cogliere quest’occasione, come un’occasione di rilancio dialettico e di senso civico nella sua accezione più ampia, altrimenti, caro setarf, non si farà mai giorno. Buona giornata paolo parente
      • ci crede se le dico di chiamarmi Paolo Parente?
      • Aspettare per Poi = Organizzare per Organizzare 9 aprile 2008 11:38, di setarf

        Auspico che la gente di Grazzanise sappia cogliere quest’occasione, come un’occasione di rilancio dialettico e di senso civico nella sua accezione più ampia, altrimenti, caro setarf, non si farà mai giorno.

        Il mio spero di no era inteso proprio in questo senso, ed infatti sono ben contento che sia stato colto in pieno.

        ottimo trampolino di lancio per un sereno dibattito sull’attivismo grazzanisano

        Ribadisco dunque il concetto del senso critico, abituato per deformazione professionale a porlo in senso positivo prima di tutto. Ben venga il dibattito ma sopratutto la coerenza delle idee. Esposizioni pubbliche di questo tipo possono essere una lama a doppio taglio, però già il fatto che si utilizza uno strumento mediatico, che forse è sconosciuto alla maggior parte degli attuali attivisti politici, è cosa buona; Il mio setarf è stata una provocazione, almeno per i miei canoni, simpatica ed innocente, non rivolta sicuramente a Lei (avv. Parente) , ma sicuramente non colta.

        Fatto sta che il mio essere lontanissimo dal P.D. è direttamente proporzionale al mio essere vicinissimo al futuro di Grazzanise. Ed anche se credo che questa non sia la sede adatta, ben venga anche un dibattito che sia anonimo ma pur sempre corretto e ben esposto.

        Per quanto riguarda i ciuchini ..

        bè caro paparente, tu che sei un artista converrai con me che “la ragione e la verità spesso fanno parte dei folli” , quindi non credo che quelli che tu definisci partiti minori siano ciuchini; certo, nel calderone (amatodiato) capita anche chi ne vuole approfittare, però i valori e gli ideali non sono in vendita (e non è solo uno slogan)! Non credo che in 2 anni sia cambiato qualcosa nelle persone che rappresentano questo BelPaese no? Quindi la coerenza non deve essere additata e sbeffeggiata, ne tantomeno sottovalutata (una coscienza politica coerente, non può votare Veltroni se 2 anni fa ho votato il Berlusca!!!).

        Quindi I say io sto ’ccà, e se poi me ’mbriaco c’aggia fa’? ma alla fine faccio da mmè e ne sono ben contento;

        Se poi arriva la fata turchina? Bè vuol dire che la inviteremo a bere del buon vino.. per il bene comune!

        Ci vediamo a tavola, forse seduti gomito a gomito. Forza Grazzanise


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout